VENERDÌ 01 MAGGIO 2015, 001:16, IN TERRIS

Il giorno dell'ipocrisia

ANGELO PERFETTI
Il giorno dell'ipocrisia
Il giorno dell'ipocrisia
Ha ancora senso oggi parlare di "festa" del lavoro? O non sarebbe forse più corretta la definizione di "lutto"? La società moderna, infatti, paga le scelte dissennate fatte negli anni passati. E non solo in termini numerici; per quest'ultimi infatti si potrebbe disquisire sulle disparità di posizioni tra Paese e Paese. L'Italia è in crisi - come ci ha ricordato l'Istat - e anche Spagna e Grecia sono messe male. Non così la Germania, che invece ha un tasso di disoccupati basso. Ma l'ottica con la quale affrontare il problema del lavoro non è questa, bensì quella - ancora attualissima - suggerita da Giovanni Paolo II con la sua enciclica "Laborem Exercens".

Oltre infatti ai terribili numeri che riguardano le persone licenziate, abbandonate al passare degli anni, ai giovani senza prospettive, va aggiunto il cuore stesso dell'approccio al mondo del lavoro: "L'uomo, mediante il lavoro, deve procurarsi il pane quotidiano - scrisse Wojtyla - e contribuire al continuo progresso delle scienze e della tecnica, e soprattutto all'incessante elevazione culturale e morale della società, in cui vive in comunità con i propri fratelli". L'occupazione dunque non solo come mezzo di sostentamento, ma come elemento che dà dignità alla vita stessa, sia essa personale o di relazione. Una dignità che l'espulsione dal processo produttivo o l'impossibilità di entrarvi polverizza fino ad annullare.

Pericolosa alla stessa stregua è la modalità spersonalizzata, spesso insensibile, a volte violenta, con la quale si costringono le persone all'interno di contratti capestro. Il lavoro è per l'uomo, e non l'uomo per il lavoro, sottolineava il Santo Padre. Ma la società di oggi ha colpevolmente dimenticato questo principio, inchinata com'è al profitto e strangolata dal terrore della disoccupazione.

Il lavoro o meglio, per usare il linguaggio dell’enciclica, gli “uomini del lavoro” rivendicavano la libertà di associazione, di contrattazione, di sciopero, cioè le libertà negate dal sistema. Una capacità tolta dai regimi totalitari nel periodo appena antecedente a quello in cui scrisse il Pontefice e - ancora più lontano - dallo schiavismo secoli prima; ma negata anche dal capitalismo odierno spinto all'eccesso, dal profitto come unico scopo. Il lavoro, da questo punto di vista, è una chiave, probabilmente quella essenziale, di tutta la questione sociale, se cerchiamo di vederla dal punto di vista del bene dell'uomo.

La dignità del lavoro si misura quindi nella sua dimensione soggettiva e non in quella oggettiva (“il primo fondamento del valore del lavoro è l'uomo stesso”, a prescindere se faccia lo spazzino o il capitano d'industria). Il lavoro non può essere una “merce” che si vende al datore di lavoro; va superata la questione ideologica e legata al mondo operaio, per entrare in una prospettiva sociale. Ne consegue che il lavoro è un bene prima ancora che un diritto o un dovere.

Lo ha ricordato anche Papa Francesco: "Lavoro e dignità della persona camminano di pari passo...  Chi opera nell’economia e nella finanza è sicuramente attratto dal profitto e, se non fa attenzione, si mette a servire il profitto stesso, così diventa schiavo del denaro".

L'ambiente in cui si opera quotidianamente dovrebbe essere un luogo di evangelizzazione, in cui l'uomo può ritrovarsi ed esprimere la sua stessa vocazione. Ecco, solo quando queste condizioni saranno realizzate, quando cioè il lavoro sarà un mezzo per far crescere la società e non un salario per chiudere i conti a fine mese, quando la distribuzione delle opportunità diventerà equa, quando il dipendente non sarà visto come un ingranaggio al pari di un braccio meccanico, solo allora si potrà tornare a parlare di festa. Farlo oggi è solo ipocrisia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria