LUNEDÌ 02 DICEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

I nuovi negrieri

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Negrieri
Negrieri
U

na bugia si aggira per il pianeta ed è quella che sia stata effettivamente abolita la schiavitù. Oggi si celebra la Giornata internazionale per la liberazione delle persone assoggettate ma in realtà c’è ben poco da festeggiare. Nelle Scritture viene resa immortale l’uscita dalla cattività del popolo eletto guidato da uno stravagante condottiero che a un passo dal completamento delle sua missione passò a miglior vita senza poter mettere piede nella terra promessa. Purtroppo, senza la profetica e carismatica personalità di Mosè, l’umanità contemporanea prende atto ogni giorno del mancato raggiungimento di un fondamentale traguardo di civiltà. Certo, ufficialmente la tratta degli schiavi non esiste più dal 23 febbraio 1807, quando fu cancellata a larga maggioranza dal parlamento inglese. Da più di un secolo un po' tutti i Paesi del mondo hanno messo al bando l’asservimento degli esseri umani. Però l’idea è più fragile della realtà. Basta raffrontare la pratica con la teoria per accorgersi che il quadro è ancora a tinte tragicamente fosche. Le vittime della prostituzione coatta, infatti, non sono altro che le moderne schiave e, finché queste fragili e indifese creature non saranno liberate, non potrà essere dichiarata la concreta ed effettiva abolizione della schiavitù. Siamo consapevoli che esistono altre odiose forme di assoggettamento che hanno sempre come bersaglio le persone più marginali e vulnerabili, ma la tratta del mercimonio coatto ha questa aberrante peculiarità: si distrugge la libertà di un individuo per farne uno strumento dei propri istinti più primordiali, eticamente riprovevoli, socialmente distruttivi. Facciamo un esempio: anche il racket dell’accattonaggio viola le più elementari norme morali, però il movente è razionalmente riconducibile ad una pur bieca logica economicistica.

Il costo personale e collettivo della tratta, invece, grava come un macigno sulla nostra civiltà cosiddetta post-moderna, ma sempre agganciata alla zavorra di condotte violentemente primitive. Alcuni sindacati sensibili alla blasfema strumentalizzazione del termine “lavoro”, come per esempio la Cisl, hanno dato prova di una solidarietà concreta nei confronti delle vittime della tratta, impedendo che nell’immaginario collettivo passasse la folle convinzione che vendere carne umana si configuri come un normalissimo impiego da regolamentare, da sottoporre a tassazione e da inserire tra i proventi del Pil nazionale. Diciamolo chiaro e tondo: è una vergogna invereconda far passare l’ingiustizia più antica del mondo come un ordinario e accettabile lavoro. Una ferita culturale e sociale come quella di legittimare, addirittura legalizzandola, la prostituzione, è il peggior lascito politico e antropologico che possiamo tramandare alle nuove generazioni. Non solo, è anche un trend scandalosamente antistorico: nel nord Europa la domanda di sesso a pagamento è sanzionata dallo Stato e quelle nazioni sono le più progredite in termini di parità uomo-donna e di welfare. Ecco quindi la necessità impellente di approvare a livello mondiale una moratoria immediata contro il traffico e lo sfruttamento dei “nuovi schiavi”, perché la schiavitù non è un ricordo lontano di un barbaro passato. Non basta condannare e vietare l’asservimento degli esseri umani quando il 62% dei 40,3 milioni di “non liberi” è vittima di lavori forzati e il 38% di matrimoni imposti.

Ieri come oggi, la schiavitù è una condizione che interessa soprattutto l’Africa, dove 7,6 persone su 1.000 sono costrette a lavori forzati, sono vittima di tratta o sfruttamento, sono costrette a prostituirsi o a sposarsi contro la propria volontà. Ma sappiamo bene che le moderne schiavitù riguardano tutte le aree del mondo, Italia compresa. Non è esente l’Asia, dove si concentra il maggior numero di schiavi in termini assoluti (circa 25 milioni, il 62% del totale) e nemmeno la regione formata da Europa e Asia centrale, dove l’incidenza è di 3,9 ogni 1.000 abitanti. Questi sono i dati dell’Osservatorio Diritti, peccato che fingano di ignorarli i nuovi negrieri che pretendono di far passare un crimine contro l’umanità per un “innocuo” sfogo di istinti animaleschi. Don Oreste Benzi, da arguto prete di campagna, consigliava di sbollire gli ardori incontrollabili mettendoli a mollo nella pozza d’acqua fredda del pollaio. Quando veniva pronunciata, suonava come una battuta: oggi potrebbe essere una valida indicazione per qualche amministratore pubblico.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Rovine a Idlib
LA TRAGEDIA

Siria, raid aerei sulle scuole di Idlib

Strage durante un bombardamento: almeno 25 vittime secondo StC, fra le quali una bimba di 9 anni
Giuseppe Conte e Luca Ceriscioli
CORONAVIRUS

Le Marche chiudono le scuole, il governo impugna l'ordinanza

Provvedimento firmato dal presidente Ceriscioli per via di un caso a Cattolica. Scontro fra Regione ed esecutivo
L'alto rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza dell'Unione europea, Josep Borrell, durante una conferenza stampa a Bruxelles, febbraio 2020 - Foto © AP
BRUXELLES E TRIPOLI

Libia, l'ok dell'Ue alle prove di pace

Dopo le recenti tensioni fra governo e milizie locali, una piccola speranza alla vigilia dei colloqui
Attilio Fontana e Giuseppe Conte
L'EPIDEMIA

Coronavirus, appello all'unità dopo le tensioni

Conte critico sull'ospedale di Codogno, scatena l'ira della Lombardia. Poi l'invito alla calma. Fontana sul virus:...
Regno Unito
L'EPIDEMIA

Regno Unito, quarantena per chi arriva dal Nord Italia

Provveidmenti anche nei Paesi Bassi. Il Kuwait ferma il traffico aereo con il nostro Paese, stop alle gite da Croazia, Grecia e...
Un vigile del fuoco salva un koala dalla foresta in fiamme
SCIENZA

Australia, gli scienziati: "Incendi senza precedenti"

I dati choc su una rivista scientifica: la peggiore in 230 anni di storia coloniale
VITA

La preghiera a Maria che ha commosso tutta Palermo

Scritta nella notte davanti al reparto di Oncologia, racconta della rinascita di una donna dopo il cancro
Il Magic Bus dove Chris McCandless visse gli ultimi mesi della sua vita
LA DISAVVENTURA

Tentano di raggiungere il Magic Bus: tragedia sfiorata in Alaska

Cinque escursionisti italiani soccorsi dopo essersi smarriti sullo Stampede Road: tornavano dal bus di Into the Wild
L'EPIDEMIA

Coronavirus, in Iran altri 3 decessi: sale a 15 il bilancio delle vittime

L'ayatollah Yussef Sanei ha invitato a evitare le moschee nel nome della Sharia e del buon senso
Hosni Mubarak, ex presidente dell'Egitto, assiste a una cerimonia davanti al monumento del Milite Ignoto a Mosca, 2008 - Foto © Misha Japaridze per AP
EGITTO

È morto Mubarak, il leader deposto dalla Primavera Araba

Protagonista della ricrescita economica dell'Egitto, dal 2011 ebbe numerosi processi
Il Premier Conte all'arrivo presso la sede della Protezione CIvile
SUMMIT ALLA PROTEZIONE CIVILE

Conte sul Coronavirus: "No a drammatizzazioni o allarmismi"

Il Premier: "Protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso"
Un frame della trasmissione Storie Italiane andata in onda il 25 febbraio - Foto © Rai
STORIE ITALIANE

Coronavirus, Don Buonaiuto: "La responsabilità miglior antidoto"

Ospite della trasmissione Rai, il sacerdote ha fatto appello alla solidarietà nell'emergenza. Forti le sue parole sul...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, negli Usa vaccino sperimentale pronto per i test

La sperimentazione clinica dovrebbe iniziare entro la fine di aprile su circa 20-25 volontari sani
Dia
DDA REGGIO CALABRIA

'Ndrangheta: chiesto l'arresto per un senatore di Forza Italia

Legami con la cosca "Alvaro" di Sinopoli: 65 arresti tra cui un consigliere regionale
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa