GIOVEDÌ 07 NOVEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

I muri dei veri razzisti

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Caduta del muro di Berlino
Caduta del muro di Berlino
T

ra poche ore i riflettori del mondo si accenderanno sul trentesimo anniversario del crollo del muro di Berlino. Una ricorrenza provvidenziale che va festeggiata come simbolo della ritrovata libertà della metà d’Europa funestata dalla tirannia comunista. Però è ormai una festa amara perché, in tre decenni, di muri ne sono spuntati a decine e i peggiori, autenticamente demoniaci, sono quelli che abbiamo più o meno consapevolmente innalzato a casa nostra, dentro di noi, contro i nostri fratelli. Cosa ha significato la fine della guerra fredda? Quale ruolo ha avuto l’abbattimento della cortina di ferro nelle “vite parallele” dei popoli europei? Innanzitutto è stata la clamorosa smentita di chi pretendeva di espellere Dio dalla vita pubblica e privata degli uomini.

In secondo luogo è stata la manifestazione più luminosa di una verità lunga due millenni: nessuno si salva da solo e nessun individuo è un’isola, perciò la spinta a incontrarsi prevale sempre su quella a ghettizzare, a isolare, a bollare l’altro come male assoluto. Per secoli, per millenni costruire muri ha avuto una connotazione positiva. Era lodevole, persino indispensabile delimitare l’ambito di una proprietà, di una civiltà, di una nazione. Capire e distinguere ciò che è mio da ciò che è tuo, è stato un passo fondamentale nell’evoluzione storica. Poi però le muraglie hanno assunto sempre più una connotazione difensiva e, di pari passo, si è alimentata la spinta a dipingere lo straniero come “barbaro”, ostile e minaccioso: un pericolo da cui difendersi e non più come un’opportunità di crescita e di conoscenza.

Nel prossimo si è man mano individuato il virus della conquista, della volontà di sopraffazione. La pazzia più crudele dell’umanità ha provocato stragi e genocidi proprio soffiando sulla sterile velleità di invadere e di appropriarsi delle ricchezze, materiali e persino spirituali, degli altri. La nota ricorrente è che, appena si alzava un muro, partiva la criminalizzazione di chi stava dall’altra parte e, guarda caso, fuori dalla protezione muraria restavano sempre e ovunque i marginali, gli scartati, gli apolidi, i non desiderati. Venivano sepolti in terra sconsacrata e il loro nome era cancellato dai registri anagrafici: un modo per perpetuare l’esclusione di coloro che non “meritavano” di sedere alla tavola dei perbenisti.

Nella storia, anche quella della Salvezza, i costruttori di muri imponenti sono destinati a perire sotto le proprie macerie. Il Muro di Berlino è caduto in testa a chi lo aveva edificato perché un movimento spontaneo di giovani ha soffiato sulle misere spoglie di un gigante dai piedi di argilla. Nulla di nuovo sotto il sole. Duemila anni prima dal Golgota, Gesù spirò in contemporanea con lo squarciarsi del tempio maestoso che doveva sancire l’immortalità dello status quo. Lo dicevano anche del comunismo, doveva rimanere al suo posto, per sempre, invece sono bastate poche martellate a far venir giù il più mostruoso Leviatano che l’umanità abbia mai subito.

Non è così che si scala l’eternità, in Paradiso, dice un antico proverbio, non si arriva in carrozza. I sommovimenti partiti anni prima da Budapest, da Praga e da Danzica sono arrivati nella capitale più surreale di tutti i tempi, spaccata in due da una “barriera difensiva” che diventò carcere per aguzzini mentre il mondo cantava a squarciagola un inno di libertà. Erano martelli reali, per nulla “liquidi”, quelli che hanno abbattuto il Muro, non c’erano ancora nel 1989 le piazze virtuali e l’impegno si esprimeva ancora in cortei e slogan gridati per strada invece che digitati sui social. Insomma era un’altra epoca. Ricordo quel muro buttato giù da una gara di entusiasmo coinvolgente e persino giocoso: da un lato e dall’altro ci si correva incontro per abbracciarsi come se si volesse dare il colpo di grazia a un’età plumbea e angosciante. Chi di noi ha visto il film “La vita degli altri” o letto il bestseller “Buio a mezzogiorno”, sabato prossimo non potrà che rallegrarsi della fine di un incubo. Eppure l’oggi non ci lascia tranquilli.

I muri attuali? Non è paradossale che coloro i quali hanno superato storiche divisioni poi contribuiscano a crearne di nuove? Anche la Chiesa ha le sue responsabilità laddove pretenda di alzare barriere a tutela di un’astratta idea di alterità, invece di seguire l’esempio evangelico di Chi sedeva a tavola con i pubblicani, i peccatori e altra gente “malfamata”. Si sa che la storia è maestra ma non ha allievi. La lezione della caduta del Muro è che si parla sempre con chiunque e che mai bisogna escludere qualcuno dal dialogo. Il Cardinale Casaroli, padre della ostpolitik vaticana, insegnava a negoziare spazi di possibile libertà persino con despoti totalitari, figuriamoci se oggi avrebbe condiviso l’idea di negare interlocuzione a chi non la pensa come noi. Troppo facile dialogare tra persone convinte delle medesime ragioni. Ciò che vale è costruire ponti con i “lontani”, in tutti i sensi.

Oggi le pietre che edificano i nuovi muri sono le calunnie, le maldicenze, le falsità sparse ad arte per screditare quelli che l’invidia trasforma in rivali da abbattere anche se la loro unica “colpa” è quella di svolgere bene il proprio compito. La lingua uccide più della spada. Ciò accade anche dentro il mondo cattolico che invece di distinguersi, e rendersi riconoscibili per valori e priorità, si segmenta in ridicoli e feudali gelosie: ognuno a difesa del proprio orticello illudendosi che il mondo non veda l’ora di conoscere le intenzioni del signorotto di turno. Da qui nascono gli indomabili odii, le contrapposizioni insanabili, le distanze incolmabili, i silenzi letali. E’ il razzismo pratico di chi a parole si dichiara antirazzista mentre ritiene che il dialogo vada bene purché a parlare sia solo lui.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Carla
10 Novembre 2019 @ 18:44
Ho apprezzato l'articolo. Osservo però che il muro di Berlino non era stato costruito tanto per non far entrare quelli che stavano fuori (a scopo difensivo), quanto per non far uscire quelli che stavano dentro, in fuga dal "paradiso" del regime comunista. Infatti nessuno voleva entrare, ma molti avrebbero voluto oltrepassare quel muro in cerca di libertà. E per questo sono stati uccisi. D'accordo sui muri attuali, fatti di insulti e di mancanza di volontà di dialogo.
Carlo capanna
07 Novembre 2019 @ 09:14
Scusa ma quando dici che ...il dialogo vada bene basta che a parlare sia solo lui e che si accoglie solo chi la pensa come noi a chi ti riferisci a papa francesco?

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
CATANIA

Madre tenta di uccidere il figlio. La badante lo salva

Il giovane è un ventenne disabile. La donna gli ha fatto ingerire un flacone di sedativo
Dia
'NDRANGHETA

Decapitati i vertici di due cosche di Cosenza

Arrestato, in Francia, Domenico Stanganelli: era latitante dal 2014
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles - Foto © Afp
IL PUNTO

Mutamenti parlamentari

Tre senatori del Movimento Cinque Stelle passano alla Lega, botta e risposta Salvini-Di Maio
Un senza tetto dorme alla stazione
ROMA EST

Firmato accordo tra Inps e Comunità di Sant’Egidio

Al via un centro di integrazione per facilitare l’erogazione dei servizi di base alle fasce deboli
Neve in città
MALTEMPO

Allerta neve nel Nord Italia

Al Centro farà la sua comparsa sull'Appennino sopra i 1400 metri
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
MANOVRA

Atlete professioniste, Christillin: "Punto di partenza, le cose stanno cambiando"

A Interris.it, la prima Consigliera europea della Fifa: "Ora sta alle singole federazioni aderire"
DISASTRO IN VOLO

Cile, le novità sull'aereo scomparso

Il velivolo dell'Aeronautica cilena era in volo verso l'Antartico quando è scomparso dai radar
I giocatori della Dea festeggiano Gosens dopo il gol del 3-0
CHAMPIONS LEAGUE

Atalanta agli ottavi, un'impresa da Dea

Dai tre k.o. nelle gare d'andata alla qualificazione fra le prime otto d'Europa. Una scalata verso la storia
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi