LUNEDÌ 27 GENNAIO 2020, 00:01, IN TERRIS

I marinai disorientati della politica

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"C

hi parla semina, chi ascolta miete”, recita un antico proverbio. Al di là del dovuto rispetto per le procedure democratiche, le tanto attese elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria non hanno reali vincitori, bensì una sola autentica sconfitta: la civiltà del dialogo. Concorrere a guidare il governo di una nazione o di una amministrazione locale non equivale ad acquistare un biglietto della lotteria. Il premio finale non è un tesoro di cui poter usufruire ma è un cumulo di responsabilità al quale corrispondere. Per questo, da prete di strada, posso testimoniare che tra gli elettori di ogni schieramento non ho respirato alcuna atmosfera di vera gratificazione, come se affiorasse tra la gente la consapevolezza delle ferite provocate dall’ennesima campagna elettorale lacerante. In Italia, lo sappiamo bene, c’è sempre qualche appuntamento alle urne che, ai vari livelli, divide l’opinione pubblica e infiamma il dibattito politico. L’effetto è quello sconfortante di assistere continuamente a piccole vittorie di Pirro, nelle quali chi ottiene una manciata di voti in più conquista in sorte la poco invidiabile condizione di dover governare su qualche maceria, subito condizionato da un corpo sociale spezzato in due: da un lato i suoi sostenitori ben poco motivati, dall’altro gli avversari che non si sentono rappresentati dal candidato che per mesi e mesi hanno messo metaforicamente fuori dal recinto del dialogo.

E qui sta l’errore diabolico. Una disastrosa, e per tutti, controproducente sottrazione di identità. Non riconoscere la legittimità del proprio avversario, anzi demonizzarlo e non ritenerlo un credibile interlocutore, fa il gioco degli “sfascisti”, la cui unica ideologia è gettare la croce, a destra come a sinistra, su chiunque si proponga di affrontare croniche situazioni di burocratica paralisi. Gli scienziati conoscono il fantomatico impedimento alle scoperte: si pensa che una cosa sia impossibile da fare finchè qualcuno, non sapendo quanto sia complicato agire, trova la soluzione, trasformando l’impossibile in possibile. Lo statista è questo: un sognatore con i piedi ben piantati per terra, capace di guardare all’interesse delle generazioni piuttosto che al tornaconto del momento. Il fatto che nelle varie denominazioni partitiche si faccia collezione di fuoriusciti e “scappati di casa”, lascia intendere che l’identità e la riconoscibilità della classe dirigente attuale è sempre più in crisi.

Seneca, due millenni fa aveva già previsto tutto: neppure il vento favorevole può aiutare il marinaio che non sa dove andare. Lo smarrimento sociale, politico e ideale che caratterizza le odierne forme di mobilitazione pubblica fa emergere in tutta la sua drammaticità il deficit di significato dei movimenti che non riescono a presentarsi in maniera compiuta ma, per esistere, devono sempre contrapporsi a qualcun altro. Non riescono a dire chi sono, possono solo dire chi non vogliono essere. Un atteggiamento sterile e infantile, un dire no senza la maturità di affermare ciò che si intende realizzare. Anche la scelta di simbologie anonime e prive di autonomia, denotano una patologica assenza di riferimenti credibili, come se la quantità potesse sostituire gli inesistenti contenuti.

Il Signore si commuoveva di fronte al disorientamento popolare che, in epoche come quella attuale, fa assomigliare la massa a un gregge privo di pastori, maestri, educatori, sia in ambito civile che religioso. Vediamo quanta fatica devono fare addirittura i Pontefici dell’ultimo secolo per far arrivare la loro voce alla gente, sempre più distratta e ripiegata autoreferenzialmente su se stessa. A maggior ragione, senza modelli, progetti e visuali condivise non si può manifestare un piano di miglioramento collettivo. Se non si ha chiaro dentro di sé un elevato obiettivo ideale non si può certo indicare al prossimo un fine da raggiungere congiuntamente. Noi adulti, inoltre, dovremo rispondere un giorno della nostra incapacità di trasmettere ai giovani il senso della storia. Non sappiamo insegnare a dire “noi”, e a contestualizzare ciò che si sta verificando ora, nell’alveo di un flusso temporale che ci ricolleghi alle nostre radici più profonde e nobili.

Invece di nasconderci dietro le lacune delle nuove generazioni, dovremmo tutti fare mea culpa per l’ingovernabilità, politica e morale, di un Paese che lungo i secoli è stato sinonimo di cultura e civiltà nel mondo intero, e che oggi è deriso e sottovalutato. Senza coscienza del passato, non si ha futuro. Che fine hanno fatto i valori, le idee, i pensatori, gli artisti che hanno dato lustro ad un popolo che in un biennio ha potuto celebrare il cinquecentesimo anniversario dei due più grandi geni pittorici del sapere universale (Leonardo e Raffaello)? Chissà se davanti agli smartphone, gli italiani 2.0 sono ancora capaci di ricordare chi sono stati e chi rischiano di non essere mai più.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Antonio durante
27 Gennaio 2020 @ 18:00
Don Aldo, non condivido del tutto il suo pensiero. In questa tornata elettorale le idee ed i programmi c'erano. e ruotavano su tre temi: l'emigrazione, la riduzione delle tasse e un migliore rapporto con l'Europa che prendesse in considerazione lo sviluppo economico di ogni Stato e non solo la solidità dei conti pubblici. Ma i tre temi, razionalizzati dal centro destra, sono stati invece ricondotti nell'alveo sentimental sociale dal centro sinistra.
Giordano nicoletta
27 Gennaio 2020 @ 16:07
Propio vero ormai siamo a punto in cui poter fare una scelta politica e veramente difficile in quanto abbiamo nella campagna elettorale un linguaggio che ha il solo scopo di screditare l'avversario. Non ci si preoccupa di illustrare il programma che si vuole fare e dopo aver vinto attuarlo in toto.
Giovanna franchi
27 Gennaio 2020 @ 13:56
Purtroppo l'articolo mette in luce una realtà di cui siamo tutti spettatori e solo troppo pochi di noi protagonisti. La mia lunga esperienza di docente liceale mi sconsiglia di rivolgermi a tutti, non tutti sono stati resi capaci di pensare nella direzione di una storia che ci consegna un compito: quando ci troviamo, invece, a tu per tu con la persona dell'altro il grande insegnamento socratico del dialogo ci consente di fare qualche passo nella direzione della responsabilità della scelta, qualunque essa sia.Non si insegna il rispetto dell'altro se non avendone rispetto, e la persona lo avverte: se si rispetta la libertà dell'altro è possibile costruire una prospettiva insieme.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il luogo dell'agguato
BELMONTE MEZZAGNO | PALERMO

Assassinato il fratello di un boss di mafia

La faida ha già portato a due morti ammazzati e a un tentato omicidio in un anno
I vescovi in Kenya durante una celebrazione press il santuario mariano di Subukia, ottobre 2019 - Foto © ACI Africa
CHIESA IN USCITA

Kenya, i vescovi dicono basta alla corruzione

L'appello di purificazione dall'illegalità nella Quaresima. Il problema? Il tribalismo
L'autosalone di Ginevra
CORONAVIRUS

Annullato il Salone dell'Auto di Ginevra

Primo caso in Lituania: è una donna tornata da Verona il 24 febbraio scorso
Sun Yang
NUOTO

Doping, il Tas stanga Sun Yang: 8 anni di squalifica

Il nuotatore cinese, campione olimpico in carica nei 400 stile libero, avrebbe distrutto la provetta di un controllo antidoping
SPAZIO

La stella Betelgeuse brilla di nuovo

Dal 2019 è impallidita perdendo circa il 36% della sua luminosità
Un bambino siriano approdato sull'isola di Lesbo - Foto © Giorgos Moutafis per Reuters
EMERGENZA UMANITARIA

Nei campi profughi i bambini siriani muoiono di freddo

Un dramma senza precedenti. Polemiche sul silenzio internazionale
ECONOMIA

Ecco l'effetto del coronavirus sulle Borse

Lo spread tra Btp e Bund ha toccato un picco di 182,7 punti base per poi ripiegare a 176 punti.
Lavoratori stranieri
RAPPORTO CNA 2019

In Italia 600mila imprese condotte da lavoratori immigrati

Sono un decimo di tutte le aziende registrate presso le Camere di Commercio nazionali
TRASPORTO AEREO

Alitalia, cigs per 3.960 dipendenti: pesa anche epidemia coronavirus

La compagnia nelle scorse ore è stata informata che su due voli del 17 febbraio ha viaggiato un passeggero con patologia...
UAE Tour
EMIRATI ARABI

Cancellate due tappe di ciclismo: 2 italiani positivi al virus

Primo contagio in Nigeria: è italiano. Primo caso in Olanda: è stato in Italia. Hyundai chiude in Corea del Sud
La Finanza sul luogo del blitz
L'AQUILA

Avezzano, maxi operazione antidroga: 10 arresti

Impegnati oltre 100 finanzieri: perquisiti 12 locali e sequestrate varie autovetture
Jeanine Áñez
FONDAZIONE JUBILEO

Bolivia: "Elezioni libere, pulite e trasparenti"

"Tu voto cuenta": la campagna in vista delle presidenziali post Maduro del 3 maggio
Carabinieri
MESSINA

Colpo al clan dei Barcellonesi: 59 arresti

Il clan imponeva estorsioni in tutta la provincia ma nessuno ha mai denunciato
Mezzi militari turchi
MEDIO ORIENTE

Siria, soldati turchi massacrati in un raid

Escalation in corso nel Paese: almeno 29 militari di Ankara uccisi da una serie di attacchi delle forze di Assad
Coronavirus

Gli effetti collaterali (politici) del coronavirus

Il Governo ha affrontato l’emergenza del Coronavirus venendo da un periodo abbastanza turbolento di polemiche...
Mascherina
L'EPIDEMIA VISTA DAI BAMBINI

"Dobbiamo mettere quelle buffe mascherine?"

Il racconto di un'allieva della prima media: "Sono preoccupata soprattutto per i mei nonni"