VENERDÌ 08 FEBBRAIO 2019, 00:02, IN TERRIS

I fabbricanti delle nuove schiavitù

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mani incatenate
Mani incatenate
N

egli anni 90 c’era un prete dalla tonaca lisa, con l’amore contagioso e la carità inesauribile. Egli aveva deciso di intraprendere un cammino particolare: recarsi sui marciapiedi della prostituzione per dare voce a migliaia di giovani donne ridotte in stato di schiavitù e per denunciare il fenomeno della tratta degli esseri umani. Era don Oreste Benzi. La malavita lo minacciava, molti lo deridevano, altri lo ritenevano ingenuo quando affermava che tutte quelle donne fossero davvero schiavizzate e non avessero scelto liberamente la prostituzione. Neanch’io l’avrei capito fino in fondo se non l’avessi accompagnato sulle vie delle donne vendute e mercificate, dei bambini costretti all’accattonaggio, dei giovani sfruttati dai caporali, degli immigrati torturati e venduti: un inesauribile gorgo di aberrazioni umane se si considerano le molteplici connivenze a vari livelli e i guadagni incalcolabili che se ne ricavavano.

Eppure c’è chi ancora oggi nega l’evidenza, ritenendo che la tratta appartenga alla storia del Nuovo Mondo con la riduzione in schiavitù di migliaia di persone deportate nelle Americhe dal continente nero. Invece, senza sconti, il passato si ripete. Anzi, il commercio degli esseri umani ai nostri giorni ha assunto molte facce, alcune terribilmente evidenti altre più subdole ma non meno devastanti. Le cause di questo efferato crimine risiedono tutte nell’avidità e nella smania di potere, che continuano ad accecare gli uomini. Le volontà politiche non sono né determinate, né orientate a combattere simili casi di sfruttamento che denunciano un deteriorarsi della società sul piano etico e uno svilimento della nostra stessa civiltà. Ci si chiede anche perché, nella maggior parte degli Stati, non esistano ancora leggi che condannino fermamente i fruitori del sesso a pagamento. I cosiddetti clienti, infatti, si aggirano indisturbati abusando anche delle minorenni, sono correi di questa grave ingiustizia.

Troppe donne vengono offese nella loro dignità e sono costrette a subire crudeltà di ogni genere. Spesso, illuse e ingannate, partono con prospettive di un lavoro che le riscatti dalla povertà o liberi dalla miseria i familiari o gli stessi figli; si ritrovano invece umiliate e degradate. In preda alla vergogna e ai sensi di colpa, se lasciate sole, non riescono a scappare dagli aguzzini che le soggiogano. Questo turpe mercato viene di fatto ignorato da molti governi occidentali, pronti a favorire un’economia senza etica, narcisistica e selvaggia, incurante di contrastare con decisione le organizzazioni criminali, capaci di gestire ignominiosi commerci quali traffico di minori, organi, donne prostituite, droghe e armi.

Rigurgiti di razzismo, nascosti dietro comunicazioni distorte e fuorvianti riportate talvolta dai media, rendono sgradevoli e ingombranti persone che hanno avuto il torto di essere nati semplicemente sfortunati in territori da sempre sottomessi e impoveriti. Il virus dell’indifferenza ha contagiato anche quei leader che vorrebbero sopprimere le organizzazioni umanitarie impegnate quotidianamente nel mettere la propria vita accanto a quella dei più deboli. A volte risultano scomode perfino le stesse realtà del mondo cattolico che operano instancabilmente, con spirito di carità, per garantire ai deboli un’accoglienza dignitosa.

Forse c’è ancora chi non ha ben compresa che la forza del cattolicesimo risiede tutta nella scelta di lottare fino al martirio per ciò in cui si crede. Noi che viviamo con gli schiavi liberati non possiamo tacere in merito a quanto continuamente sperimentiamo e ci sentiamo in dovere di gridare contro l’aberrante profanazione della vita umana. Nella fede seguiamo l’esempio di Santa Bakhita di cui celebriamo la memoria nella speranza che si risveglino le coscienze dei governanti a favore di tutte le vittime di tratta e perseveriamo con quella stessa passione di quel testardo Servo di Dio, don Oreste, che con il suo sorriso pieno di amore riusciva a spezzare le catene dei moderni schiavi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
PARIGI

Ricostruire Notre-Dame per far rinascere la fede

Messaggio di papa Francesco alla diocesi di Parigi impegnata a riportare al suo antico splendore la cattedrale gravemente...
Felice Gimondi
CICLISMO

Addio a Felice Gimondi, il campione che battè il Cannibale

L'ex ciclista colto da un infarto in Sicilia. Con l'amico-rivale Eddy Merckx segnò un'epopea di duelli...
ROMA

Un secolo e mezzo al servizio dell’infanzia

Il 20 novembre a Roma la serata per i 150 anni del Bambino Gesù. L’evento di solidarietà condotto da Amadeus...
La Luna
SPAZIO

La sonda indiana Chandrayaan 2 si avvicina all’orbita lunare

L’allunaggio è previsto per il 7 settembre. L’India sarà il primo paese sul Polo Sud della Luna

La presidente del Senato, Casellati apre domenica il 40° Meeting di Rimini

Tra i temi dell’edizione 2019 le prospettive dell’Europa, il dialogo tra fede e scienza, le persecuzione dei...
Jesolo
VENEZIA

Jesolo, trovato il corpo del giovane scomparso in mare

I soccorritori lo hanno ritrovato vicino al luogo del tuffo dal pedalò. Il Comune di Jesolo ha rimandato a oggi i fuochi...
SPORT E VITA

Il surf metafora della vita

La giornalista Ellis Avery (The New York Times) sonda il mistero della sofferenza umana attraverso lo sport