L’impronta di Francesco sul nuovo anno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Francesco

Il Vangelo come “road map” del pontificato di Francesco. “Vogliamo fargli spazio? A parole sì. Ma concretamente? Magari ci sono degli aspetti della vita che teniamo per noi. Esclusivi. Dei luoghi interiori nei quali abbiamo paura che il Vangelo entri. Dove non vogliamo mettere Dio in mezzo”, ha detto ieri all’Angelus Papa Francesco. Durante il Giubileo straordinario, dedicato alla misericordia, Francesco sintetizzò il significato che deve assumere per la società d’oggi il messaggio evangelico. E lo fece con parole semplici, profonde. E anche in controtendenza rispetto al pensiero corrente. Non c’è spazio per l’indifferenza che domina nel cuore di chi non riesce a voler bene perché ha paura di perdere qualcosa. Perciò va scacciata ogni tristezza perché Gesù è il vero consolatore del cuore. FrancescoPer Francesco Gesù insegna che cosa è veramente essenziale nella vita. Nasce nella povertà del mondo. Perché per Lui e la sua famiglia non c’è posto in albergo. Trova riparo e sostegno in una stalla. Ed è deposto in una mangiatoia per animali. Eppure, da questo nulla, emerge la luce della gloria di Dio. A partire da qui, per gli uomini dal cuore semplice, inizia la via della vera liberazione. E del riscatto perenne. Gesù porta impressi nel suo volto i tratti della bontà. Della misericordia. E dell’amore di Dio Padre. Ne scaturisce per tutti i suoi discepoli, come insegna l’apostolo Paolo, l’impegno a rinnegare l’empietà e la ricchezza del mondo. Per vivere con sobrietà, giustizia e pietà. Un accorato richiamo a un comportamento sobrio. Cioè semplice. Equilibrato. Lineare. Capace di cogliere e vivere l’essenziale.

Francesco
L’Opera San Francesco per i Poveri di Milano

Il mondo troppe volte è duro con il peccatore e molle con il peccato. Secondo Francesco c’è bisogno di coltivare un forte senso della giustizia. Di ricercare e mettere in pratica la volontà di Dio. La cultura dell’indifferenza finisce non di rado per essere spietata. Perciò lo stile di vita deve essere colmo di pietà. Di empatia. Di compassione. Di misericordia. Cioè di risorse attinte ogni giorno dal pozzo della preghiera. Una visione conciliare e profetica quella di Francesco. Fatta di misericordia e di tenerezza. “Dio è innamorato degli esseri umani. Si fa piccolo per aiutarli a rispondere al suo amore”, sottolinea Jorge Mario Bergoglio.

Francesco
Il Papa in preghiera – Foto © Vatican News

In tante riflessioni il Papa entra costantemente nelle tragedie che oggi segnano il mondo. Nella dura prova collettiva della pandemia. Nelle violenze terroristiche perpetrate in nome delle religioni. Nei conflitti della terza guerra mondiale combattuta a pezzi. Pace e riconciliazione non possono non venire da un’unità superiore al conflitto. L’indifferenza verso il prossimo e verso il Creato rappresentano per il Pontefice due aspetti della stessa realtà. E l’autentica attenzione alla famiglia umana non può scindersi dalla sollecitudine verso la casa comune e il suo stato di salute. Sono i più deboli a pagare la cultura del consumismo edonistico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.