LUNEDÌ 25 MAGGIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Essere... umani

ANGELO PERFETTI
Essere... umani
Essere... umani
Conta più la testa di un bambino o quella di un capitello? La domanda diventa inquietante quanto legittima alla luce di ciò che è accaduto a Palmira, in Siria. Il mondo intero si è terrorizzato pensando a quanto danno avrebbero potuto fare i miliziani dell'Isis contro le rovine di quella che è definita “la Sposa del deserto” ed è considerata, come sito archeologico, patrimonio dell'umanità. Nessuna preoccupazione per le migliaia di civili che abitano accanto alle rovine, in una città che si è sviluppata in un'oasi a 240 km a nord-est di Damasco e ha vissuto – fino a oggi – di turismo.

Sui giornali e nei servizi tv si è parlato di Palmira come fosse Pompei, una città morta, senza abitanti, immensa nel suo rappresentare la Storia ma sostanzialmente disabitata. Non era e non è così, ma l'Occidente – evidentemente stanco di sentire notizie sulle “solite uccisioni” degli assassini vestiti di nero – non si è interessato più di tanto. E' bastata qualche confusa dichiarazione del governo di Assad (La televisione del regime ha proclamato che l’esercito ha aiutato i civili ad andarsene prima di abbandonare le posizioni) per calmare all'istante qualunque interesse verso la popolazione civile. L'attenzione era tutta concentrata sul museo, mentre intorno c'era l'orrore.

In realtà infatti solo un terzo dei residenti sarebbe riuscito a fuggire, e le conseguenze di questo disinteresse si sono drammaticamente viste: gli uomini dell'Isis hanno sterminato almeno 400 civili, la maggior parte dei quali donne e bambini. Pensare a questa ennesima mattanza come “imprevedibile” rispetto alla conquista del sito è pura ipocrisia: le organizzazioni per i diritti umani avevano già riferito che centinaia di cadaveri di soldati del regime erano disseminati per le strade della città.

Il fatto è che la guerra la sentiamo lontana, poco minacciosa nei nostri confronti. Il sentimento di pietà per le persone uccise è poco più di un brivido passeggero. Un morto a Parigi ne vale cento in Siria, o in Iraq o in Nigeria. L'indignazione dell'Occidente è geografica, non di sostanza. I bambini uccisi non fanno più notizia, i cadaveri diventano routine, i prigionieri sgozzati immagini già viste. Come un film di cui conosciamo il finale, non ci appassiona più.

Ed è questo atteggiamento che non ci fa riconoscere nei disperati che troviamo sui barconi – che definiamo asetticamente “migranti” - i volti e le storie di chi ha lasciato dietro di sé figli, mogli, parenti affogati nel sangue; di chi fugge dall'orrore, di chi pensa che qualunque posto sia meglio di quello, di chi cerca uno spicchio di futuro per se stesso e le generazioni future.

C'è chi vuole respingerli con la stessa indifferenza con cui non si emoziona più – anzi addirittura non si interessa – alla notizia dell'uccisione di centinaia di famiglie; che avrebbero potuto essere salvate se la comunità internazionale avesse preso coscienza del problema in maniera univoca e senza tentennamenti. Ci definiamo esseri umani, ma siamo davvero capaci di essere... umani?
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"