LUNEDÌ 06 FEBBRAIO 2017, 000:02, IN TERRIS

Dalla parte del Papa

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Dalla parte del Papa
Dalla parte del Papa
Abbiamo visto la diffusione, addirittura con eco della TV di Stato, di manifesti anonimi contro Papa Francesco. Una volta tutto ciò che non era firmato non riceveva alcuna importanza, oggi avviene l’esatto contrario. Chiunque, per vari motivi, può calunniare e infamare l’altro, appenderlo al muro o sul web pronunciando qualsiasi menzogna, e sa che sicuramente avrà un effetto esplosivo sui media.

Per Papa Francesco non è solo terminata la “luna di miele” del suo pontificato ma è iniziata ormai da tempo una nuova campagna diffamatoria. Siamo passati da un certo scontento dei farisei di turno al desiderio di vendetta di quanti si sono sentiti ingiustamente puniti. Il Santo Padre è assediato sia dentro la Chiesa da tanti, troppi sedicenti cattolici, sia dagli avvoltoi esterni che godono nel vedere l’odio e l’inimicizia di coloro che al Pontefice dovrebbero obbedire e seguirne gli insegnamenti. Papa Bergoglio viene contestato per alcuni suoi provvedimenti amplificati dai mezzi di informazione, mentre si sminuiscono i suoi straordinari gesti di amore e tenerezza per i più deboli. Eppure il suo papato sarà ricordato proprio per questa grande testimonianza.

Francesco è il Papa che rompe molti schemi, a iniziare dalle pompose modalità di rappresentare il Cristo, umile agnello condotto al macello e non di certo posto sui troni del potere. La ricerca dell’essenzialità, la priorità di servire il prossimo più disagiato, la testimonianza evangelica prima delle teologie, l’essere credibili e non deprecabili… insomma, Bergoglio non ha mai nascosto i suoi obiettivi. Il suo stile di vita parla e scuote le coscienze anche se purtroppo non sono pochi quelli che, invece di esserne edificati, si sentono minacciati o addirittura contrastati. A partire da certi cardinali fino ad arrivare ai più bassi gradini delle gerarchie ecclesiastiche vediamo questo vergognoso e ingiusto sciacallaggio; quello che rattrista ulteriormente è il vederlo compiere in nome della retta verità!

Ciò che per un cattolico dovrebbe essere scontato, ovvero considerare il Papa come la figura più alta da stimare, amare e seguire fedelmente, vederlo come “il dolce Cristo in terra” per usare una felice espressione di Santa Caterina da Siena, oggi sembra diventato qualcosa di cui vergognarsi, quasi “politicamente scorretto”. Si è perso il senso della filiazione al Santo Padre.

Ora ci imbattiamo in persone accanite nel rigettare le disposizioni del Papa sulla sua apertura verso le coppie divorziate. Prima, la Chiesa era definita bigotta, fuori dai tempi, quasi disumana… Oggi invece viene condannata per la sua elasticità nel primato dell’accoglienza, della relazione verso chiunque. Papa Francesco mi ricorda don Benzi che era un martire della Misericordia di Dio. Quante volte anche don Oreste veniva attaccato ingiustamente! Ciò nonostante lo vedevo incassare i colpi, sospirare, soffrire in silenzio e poi rispondere: “tutto è grazia”. Sì, ne sono convinto, tutto rientra nella volontà di Dio e quindi anche subire malignità può diventare un dono. In fondo noi seguiamo un Dio crocifisso... ma non appeso a un muro.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...
Intelligenza artificiale
TECNOLOGIA

Boom dell’Intelligenza artificiale

In Italia è previsto un aumento di 13% del Pil entro il 2030. Una rivoluzione economica che però ha bisogno di...
Sinodo per l'Amazzonia
SINODO PER L'AMAZZONIA

Sinodo, continuano i lavori: Eucarestia, donne e rito indigeno fra i temi

Per la regione panamazzonica si profila sempre di più una Chiesa dal volto indigeno