Editoriale

Chi sono i beati di cui parla il Vangelo

I “Beati” di cui parla il Vangelo di questa domenica sono le persone felici. Ma ci rimane molto difficile credere e accettare che possano essere considerati “beati” coloro che piangono, che sono afflitti, che sono perseguitati! Tutti infatti abbiamo il desiderio di essere felici nella nostra vita.

Spesso dimentichiamo che per amore a noi Gesù Cristo per primo ha realizzato questa Parola di oggi con cui inizia il bellissimo discorso della Montagna di Matteo: Gesù si è svuotato di se stesso, non si è imposto come figlio di Dio e lui stesso Dio, ma ha voluto ricoprirsi della nostra fragilità, provare la mia e la tua angoscia, le nostre paure, perchè attraverso di Lui risplendesse anche in noi la Gloria del Padre.

Il Signore spesso ci aiuta provando in ogni modo di portarci all’umiltà, cioè alla verità, permettendo nella nostra vita tanti eventi che sono occasioni di umiliazione. Ma cosa succede? Che ci ribelliamo sempre, non accettiamo ciò che ci sminuisce, quello che ci fa piccoli, quello che ci toglie l’onore, la dignità. Ma come potremo allora entrare nel Regno dei cieli?

Perché dice il Signore: “Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!” (Mt 7,13-14).

Una Parola oggi molto seria, che ci invita a riconoscere che tante volte abbiamo rifiutato di essere un pò simili a Gesù: ogni volta che il Signore ha cercato di farci piccoli in questa vita infatti abbiamo cominciato a urlare, a protestare. Peggio ancora, a dubitare del Suo Amore.

A chi si “fa piccolo” però Cristo viene in aiuto, a chi accetta di essere messo all’ultimo posto come Lui il Signore cambia il pianto in gioia, lo soccorre nelle ingiustizie e lo difende nelle persecuzioni, che sempre arrivano quando diventiamo autentici Suoi testimoni. Perché proprio come hanno perseguitato Gesù perseguiteranno anche noi.

Di fronte alle difficoltà, alle sofferenze, alle cose che non vanno come noi vorremmo, oggi il Signore ci invita ad abbandonarci a Dio perché si realizzi in noi la Parola di questa domenica, perchè Cristo possa asciugare le nostre lacrime, consolare le nostre solitudini, donarci la Gioia immensa di essere partecipi con Lui alla Sua Gloria.

mons. Antonio Interguglielmi

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024