SABATO 01 GIUGNO 2019, 00:02, IN TERRIS

Cercasi Schindler per i corridoi umanitari

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un'immagine del film Schindler's list
Un'immagine del film Schindler's list
Q

uando la vita ti da un’opportunità, sei tenuto a darla anche tu a qualcun’altro. Sui corridoi umanitari si misura la differenza tra lo statista e il politico. Il primo ha come orizzonte temporale e valoriale il destino delle future generazioni, il secondo il tornaconto elettorale immediato. Chi per investitura popolare ha ricevuto responsabilità di governo non può ignorare il grido di aiuto che arriva dall’indigenza. I momenti di crisi sono possibilità di crescita anche per coloro che la sorte ha incaricato di sovrintendere al bene comune. L’attuale classe dirigente italiana può fornire una storica testimonianza di affidabilità internazionale ad un’Europa che sta ripensando il suo ruolo nel mondo. Significativamente sui social rimbalzano poco gli sforzi di queste ore per risolvere emergenze legate ai profughi. Può essere un segno a doppia lettura. Una negativa: da un lato ci si vergogna di quanto si fa in concreto per gli ultimi, dall’altro non si vuole riconoscere ciò che di buono e costruttivo viene fatto nel fronte avversario. Una positiva: abbassati i toni propagandistici da urne in vista, si prende coscienza che questioni di vita o di morte necessitano di soluzioni immediate. Nessuno può giocare sulla pelle di donne e bambini innocenti. Ricordo i primi migranti accolti. Le persone non sono mai numeri ma storie, dolori, speranze e, come insegnava don Oreste Benzi, condivisioni. Nei momenti tragici emerge la statura degli uomini. L’industriale tedesco Oscar Schindler seppe opporre la lungimiranza della carità alla miopia del collaborazionismo nei tempi oscuri nei quali il “quieto vivere” induceva a ingraziarsi il mostro nazista. In ogni contesto di tenebra c’è un desiderio di luce. Il crocifisso di cui si torna a parlare nell’arena pubblica dimostra che la testimonianza è l’unico antidoto all’asservimento del male.

Oggi in una società apparentemente tutta “connessa” e dichiaratamente “iper moderna”, c’è il rischio di voltarsi stoltamente dall’altra parte di fronte alle traversate della sofferenza che avvengono a pochi chilometri dalle nostre coste. La storia attesta che a grandi responsabilità corrispondono irrevocabili potenzialità di crescita.  Adesso sono chiamati ad un esame di maturità i vincitori di oggi e quelli che si preparano a salire i gradini di un’autorità che finalmente unisca invece di dividere rendendosi autentici servitori. Chi da leader di una sola parte aspiri a rappresentare l’interezza della comunità nazionale ha una chance irripetibile: farsi trovare pronto da una stagione imminente che vedrà l’Italia al centro di dinamiche migratorie e geopolitiche globali. Con la Libia sempre più in via di disfacimento, i responsabili civili e religiosi del nostro Paese dovranno necessariamente cooperare e interagire proficuamente per minimizzare l’impatto umanitario di situazioni non altrimenti gestibili. La chiesa cattolica ha dimostrato di voler fare la sua parte e l’auspicio di tutti gli uomini di buona volontà è che vengano superati reciproci muri di incomunicabilità. Nessuno può chiamarsi fuori dal recinto del dialogo e chi lo fa offre una contro-testimonianza evangelica. Papa Francesco, ancora una volta, insegna con il suo viaggio in Romania che non esistono periferie geografiche ed esistenziali aliene al confronto e alla collaborazione. Trincerarsi dietro le condanne preventive alimenta la diabolica tentazione di ragionare per pregiudizi. Diceva il pragmatico Deng Xiaoping “non importa se un gatto è bianco o nero purché catturi i topi”. Le persone vanno valutate per ciò che compiono, non per gli slogan e le etichette alle quali è fin troppo facile inchiodare le diverse identità.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”