LUNEDÌ 03 AGOSTO 2015, 000:10, IN TERRIS

Ballare, sballare e morire

ANGELO PERFETTI
Ballare, sballare e morire
Ballare, sballare e morire
"Panta rei", diceva Eraclito: “Tutto scorre”. Un concetto filosofico – quello dell'impossibilità di fermare il “divenire” - che nei secoli è stato distorto, male interpretato, fino ad arrivare a giustificare l'indifferenza totale rispetto a qualunque evento riguardi l'essere umano. Ce ne accorgiamo soprattutto quando ci troviamo di fronte a gravi fatti di cronaca; l'ultimo dei quali è stato la morte di un ragazzino, Lamberto, uscito per andare a divertirsi in discoteca e stroncato da una pasticca di ecstasy. La droga che si insinua nella vita dei nostri ragazzi come un accessorio che “fa figo”, che ti rende parte di un branco, che ti fa “essere”.

Lamberto non è il primo e non sarà l'ultimo a morire per questo, ma la linea di pensiero generale non è mai mettersi dalla parte dei ragazzi riconoscendoli come vittime. Di solito si passa dal “se l'è cercata”, a “è stata una fatalità”, quasi che impasticcarsi in discoteca sia da annoverare alla voce “consumazione”.

Guai però ad affrontare la questione di petto; qualche lacrima e discorsi di circostanza dei sindaci di turno, salvo poi accorgersi che i loro referenti politici in Parlamento sono gli stessi che spingono per la liberalizzazione delle droghe definite “leggere”, perché – dicono - non uccidono.

Sbagliato. Le droghe sono droghe, e uccidono tutte. A volte la vittima è l'assuntore, come nel caso di Lamberto, altre volte è invece chi ha la sfortuna di incappare sulla strada di chi è sballato, come è accaduto a Ossimo appena pochi mesi fa, quando è stato investito e ucciso un 51enne. La mancanza di lucidità al volante provoca morti innocenti, bersagli anch'essi delle sostanze stupefacenti.

Ecco perché è importantissima la notizia sulla chiusura di 4 mesi del Cocoricò, la discoteca di Rimini dove Lamberto ha vissuto le sue ultime ore. Perché per riflettere bisogna fermarsi, spegnere i decibel, concentrarsi anche sul dolore, se necessario. Per tutti quei ragazzi che la sera pensano a sballare più che ballare, lo stop forzato può diventare un momento per ricordare il loro amico che non c'è più. E riflettere, prima che la ruota dell'incoscienza chiami il loro nome.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...