Autonomia energetica: una battaglia impegnativa ma necessaria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Nel dramma della guerra, si stanno prendendo decisioni per la sicurezza dei rifornimenti a breve e medio termine per scongiurare eventuali blackout elettrici, ed è importante che stiano avvenendo senza contrasti. E tuttavia penso che sia necessario aprire una discussione serena sui troppi errori avvenuti, per evitare che nel futuro si possano ripetere. Potenze straniere ed imprese private, dispongono di strumenti (non tutti leciti) per orientare a loro piacimento la opinione pubblica; di qui l’interesse nazionale ad informare i cittadini attraverso una importante campagna di orientamento sulle strategie di medio e lungo termine, della straordinaria importanza dell’autonomia energetica come ha già avuto modo di precisare Mario Draghi. Una battaglia impegnativa che dovrà riguardare le istituzioni centrali e locali, le realtà sociali organizzate, i cittadini.

Occorrerà avere piena coscienza che nel recente passato gli asset strategici riguardanti l’energia hanno subito distorsioni e disattenzioni impensabili per qualsiasi altro paese industrializzato. Ad esempio i termovalorizzatori, impianti fondamentali di economia circolare che permettono di ottenere grandi quantitativi di energia elettrica dalla combustione dei rifiuti. Produciamo 30 milioni di tonnellate annui di rifiuti che potrebbero generare energia per 7-8 milioni di persone, ma soprattutto nel centro-sud non si vogliono impiantare e si preferisce consegnare i rifiuti ad altri paesi pagando, i quali al contrario di noi italiani, guadagnano dai nostri rifiuti trattati energia Altra stravaganza ormai storica, la difficoltà a dotarsi di rigassificatori per trasformare il gas liquido trasportato da navi metaniere in stato gassoso utile alla diffusione a mezzo condotte per  famiglie ed imprese. La loro efficacia consiste nel poter stimolare la concorrenza nel mercato del gas, ma ora ancora più utile per sfuggire al ricatto di Putin che usa le fonti energetiche come armi strategiche.

Anche lo sfruttamento del gas nostrano dei giacimenti adriatici, ionici, e del canale di Sicilia hanno subito ostacoli inspiegabili per l’estrazione e divieti per la ricerca di altri giacimenti. Eppure possediamo potenzialità di estrazione dai nostri pozzi fino al 10% dei nostri fabbisogni. Insomma le produzioni fotovoltaiche, eoliche, idroelettriche, dei rifiuti, e geotermiche, i cui potenziamenti funzionali alla transizione energetica sono fortemente finanziati dal PNNR, dovranno correre spediti per raggiungere le dimensioni necessarie.

Con il potenziamento della fornitura dall’Algeria, grandi apporti che progressivamente potremo ottenere dall’Azerbaijan e da altri ancora con il potenziamento dei rigassificatori, potremo raggiungere i quantitativi necessari, togliendo alibi a coloro che strumentalizzano la indispensabilità del gas russo per tenerci ancora sotto ricatto. Le energie fossili, come è chiaro a tutti, costituiscono per ora lo zoccolo duro della produzione elettrica, ma ben presto dovremo ricorrere al nucleare sicuro e pulito. A quel punto avremo conseguito davvero tre risultati storici: disporre di grandi quantità di energia a basso costo; la assoluta eliminazione di emissioni inquinanti; la preziosissima autonomia per la produzione di energia elettrica, cioè il bene principale della modernità che nella storia passata e recente gli autocrati hanno manovrato contro le Democrazie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.