Veglia di preghiera per accompagnare l'incontro ecumenico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Chiedo a tutti di accompagnare con la preghiera il pellegrinaggio che compiremo sabato prossimo a Bari per invocare pace sul martoriato Medio Oriente”, aveva twittato sul suo account Papa Francesco domenica scorsa, al termine dell'Angelus. 

Un invito che la comunità cattolica pugliese ha subito accettato. E così venerdì 6 luglio, alle 20 presso la chiesa cattedrale di Andria, religiosi e laici si ritroveranno per una veglia di preghiera ecumenica alla vigilia della visita di Papa Francesco a Bari, durante la quale “con i Patriarchi e i Capi delle Chiese del Medio Oriente, si invocherà il dono della pace, nell’amicizia di San Nicola, con i cristiani che soffrono”.

Ad Andria la veglia di preghiera sarà presieduta dal vescovo Luigi Mansi. Si tratta, spiega la Curia in un comunicato, di “un evento squisitamente spirituale che mette al centro la preghiera come compito e forza che sostiene ogni impegno apostolico”. 

Un evento che si svolgerà anche in altre due città della diocesi: Canosa di Puglia e Minervino Murge. Qui la comunità ecclesiale si ritroverà insieme “per chiedere al Signore, il dono della pace”. Appuntamento a Canosa di Puglia giovedì 5 luglio, ore 21 presso la concattedrale dedicata a San Sabino; a Minervino Murge invece venerdì 6 luglio nelle singole comunità parrocchiali, durante la celebrazione dell’Eucarestia vespertina. 

Tutti sono invitati a prendere parte a questo evento, anche spiritualmente. La Diocesi di Andria, infatti, ha raccomandato di recitare la seguente invocazione, composta proprio per questa occasione: 

 

“Dio della pace, non ti può comprendere chi semina la discordia, non ti può accogliere chi ama la violenza e offende la vita: dona a chi edifica la pace e si pone al servizio della vita di perseverare nel suo impegno e sana i cuori di quanti sono tormentati dall’odio, perché tutti si ritrovino in te, che sei la vera pace e la fonte della vita”. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.