Universitari e liceali a servizio dei meno fortunati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Iragazzi del liceo artistico, i dipendenti di un’azienda che produce componenti per auto e il dipartimento di Economia dell’Università di Perugia con sede di Terni. Sono gli ideatori e organizzatori di diverse raccolte di alimenti a lunga conservazione per i poveri assistiti dagli Empori della solidarietà della Caritas e dalla San Vincenzo de’ Paoli, di Terni. 

Studenti universitari …

Come riporta il Sir, in occasione del Natale, studneti, ex studenti, docenti, personale e lavoratori doneranno zucchero, pasta, barattoli di pelati e di legumi, biscotti, succhi di frutta, marmellate, ma anche beni destinati ai bambini, come matite, penne, colori, quaderni, libri di fiabe e di divulgazione scientifica, giocattoli e animali di peluche. Gli alimenti raccolti saranno consegnati all’Emporio della solidarietà della Caritas di via Vollusiano, che sostiene le famiglie in difficoltà colpite dalla crisi economica. I giocattoli e la cancelleria andranno all’Emporio bimbi della San Vincenzo de’ Paoli, in via Pascoli. I viveri e i giocattoli, collocati sotto l’albero di Natale allestito all’interno del dipartimento, saranno consegnati mercoledì 20 dicembre, alle 11:00, ai responsabili della Caritas e della San Vincenzo.

… e liceali

Un’altra raccolta vede come protagonisti gli studenti e i docenti del liceo artistico “Metelli” di Terni, che hanno organizzato, per il terzo anno, una raccolta di generi alimentari e per l’igiene personale in favore degli Empori solidali della Caritas diocesana. Raccolta che sarà consegnata venderdì 22, alle 10:00, al direttore della Caritas durante una breve cerimonia con studenti e insegnanti. Iniziativa analoga anche da parte della multinazionale francese Faurecia, effettuata nello stabilimento di Terni, che donerà, giovedì 21, beni di prima necessità in favore dell’Emporio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.