Una Gmg in ricordo dei “martiri missionari”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Quella che vivranno i giovani di Aversa sarà una Gmg nella “memoria dei martiri missionari”. Il 25 marzo, Domenica delle Palme, i giovani della diocesi campana rifletteranno sul tema “Missio(rdi)narietà”. Come riporta il Sir, alla base del tema, affermano gli organizzatori, il tentativo di “legare il non temere, quello che Dio rivolge a Maria e a ciascun giovane chiamato ad essere protagonista e missionario di questo tempo contro ogni buio e difficoltà, al concetto di missionarietà da incarnare nei luoghi che abitiamo quotidianamente, nella donazione totale, ‘martirio’, della propria vita partendo dall’esperienza del cammino di vita della Vergine di Nazareth”.

Giovani in pellegrinaggio…

La giornata comincerà nella “culla delle missioni” diocesana, il Pontificio Istituto Missioni Estere di Trentola-Ducenta (Ce) dove è previsto un momento di festa e di riflessione con don Vito Piccinonna, direttore della Caritas della diocesi di Bari-Bitonto e già assistente spirituale nazionale per il Settore Giovani di Azione cattolica, e la testimonianza della cooperativa sociale “Il Tappeto di Iqbal”, operante nella periferia ad est di Napoli.

…con il Vescovo

La parte centrale dell’evento vedrà i giovani in cammino con il vescovo, mons. Angelo Spinillo, in un pellegrinaggio animato per le strade che li porterà fino ad Aversa. Durante il percorso storie, testimonianze e opere di alcune figure di missionari. Si tratta di un anticipo di quello che i giovani della diocesi vivranno in agosto quando saranno in cammino verso Roma per incontrare Papa Francesco in preparazione al Sinodo dei giovani. Ad Aversa, in Piazza Municipio, la preghiera finale e un momento di festa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.