Tre giorni di laboratori e riflessioni alla casa “Giovanni XXIII”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10

Bilancio positivo per la Settimana liturgica che si è svolta nella diocesi di Termoli-Larino. Quest'anno il tema è stato “Chiesa e ministeri – I Ministeri istituiti a servizio del popolo Santo di Dio“. L'iniziativa, promossa dal Centro Pastorale per la vita spirituale e la liturgia coordinato da don Marco Colonna, ha coinvolto ordini religiosi, musicisti, artisti, catechisti, associazioni, movimenti e a tutti i fedeli desiderosi di vivere tre giorni intensi di ascolto, confronto e crescita in comunione.

Gli iscritti, provenienti da diversi paesi della diocesi hanno potuto approfondire attraverso lezioni teoriche e laboratori il ruolo dei ministri istituiti e di fatto nella vita della Chiesa locale. Sono stati guidati in questo percorso dal maestro Paolo Tarantino e dagli altri docenti dell'Istituto di musica sacra e dell'Istituto per la formazione laicale Joseph Ratzinger ma anche dalla presenza straordinaria di don Nicola Fioriti, responsabile della formazione dei ministri istituiti della diocesi di Chieti-Vasto e di don Fabio Massimillo, compositore di nota fama e maestro di cappella della Diocesi di Taranto.

Nei tre giorni i partecipanti hanno affrontato in particolar modo il tema del gruppo liturgico realtà spesso poco presente nelle parrocchie ma fondamentale per la vita liturgica parrocchiale. Il gruppo punta  a coinvolgere le varie compagini parrocchiali che, sinergicamente, si occupano della programmazione, della progettazione e della realizzazione della vita liturgica parrocchiale. La settimana liturgica diocesana si è conclusa con la Celebrazione Eucaristica nella cappella della Casa di formazione, punto di riferimento per l'intero territorio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.