Termoli, entrano nel vivo i festeggiamenti per San Pardo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:28
Diocesi

Sono entrati nel vivo ieri pomeriggio i festeggiamenti in onore di San Pardo, patrono di Larino e della diocesi di Termoli-Larino. Nella serata di ieri si è svolta la fiaccolata dei Carrieri e canto della Carrese della Fonte di s. Pardo fino alla cattedrale. Oggi pomeriggio, invece, a partire dalle 17, ci sarà la processione dei carri verso la chiesa di S. Primiano. Il rientro in cattedrale avverrà in serata, con la suggestiva fiaccolata accompagnata dalla banda “Don Luigi M. Aster Band”. Domenica mattina, alle 8, sarà celebrata la messa nella cattedrale di Larino; alle 10.30 il solenne pontificale presieduto dal vescovo di Termoli-Larino, mons. Gianfranco De Luca.

Il programma

A mezzogiorno di domenica ci sarà la benedizione dei carri e la processione per le vie del centro storico e i fuochi d’artificio. Alle 19 celebrazione eucaristica in cattedrale. La caratteristica festa di s. Pardo, patrono principale di Larino e della diocesi, è considerata, da noti esperti, una delle più belle che si celebrano in Italia. Oltre centoventi carri, dalla foggia trionfale o dal formato a capanna, buona parte dei quali trainati da buoi, artisticamente addobbati e ricoperti di fiori, offrono dal 25 al 27 maggio nella città frentana uno spettacolo indimenticabile. La festa di S. Pardo ha origine antichissima. Alcune delle tradizioni del passato sono rimaste immutate nel tempo. Come la carrese, una forma di canto monodico di tradizione orale, definita anche con i termini di laudata e carrera, che viene eseguita ancora oggi durante questa festa. Il canto, di profondo contenuto teologico, le cui origini si perdono nella notte dei tempi, è una lode all’Onnipotente, alla Madonna, a s. Pardo e s. Primiano in particolare, ma anche ad altri santi venerati come patroni in vari centri del Basso Molise”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.