Sabato l'ordinazione dei nuovi ausiliari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Saranno ordinati vescovi sabato prossimo padre Daniele Libanori, gesuita, e don Paolo Ricciardi, del clero romano, nominati dal Papa ausiliari di Roma il 23 novembre scorso.

L’ordinazione episcopale sarà conferita durante la concelebrazione eucaristica che avrà inizio alle 16 nella basilica di San Giovanni in Laterano, cattedrale di Roma. A ordinarli sarà il vicario, l’arcivescovo Angelo De Donatis. Conconsacranti saranno monsignor Gianrico Ruzza, vescovo ausiliare della diocesi per il settore Centro, e monsignor Andrea Turazzi, vescovo di San Marino-Montefeltro. La celebrazione sarà animata dal Coro della diocesi di Roma, diretto da monsignor Marco Frisina, e dal Coro della parrocchia di Santa Silvia.

Padre Daniele Libanori, cui è stata assegnata la sede titolare di Buruni, è nato a Ostellato, in provincia di Ferrara, il 27 maggio 1953 e appartiene alla Compagnia di Gesù. Ordinato sacerdote l’11 giugno 1977, è stato per otto anni, fino al 2016, rettore della Chiesa del Gesù. Dal 1° settembre scorso è rettore della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami al Foro Romano, nuova “casa” dei preti di Roma per iniziativa del vicario generale De Donatis. Padre Libanori continuerà ad occuparsi del clero di Roma e il suo impegno pastorale si estenderà anche ai diaconi permanenti.

Don Paolo Ricciardi, romano, 49 anni, era dal 2015 parroco ad Acilia, a San Carlo di Sezze, dopo aver guidato per 12 anni la parrocchia di Santa Silvia al Portuense. Era anche membro del Collegio dei consultori della diocesi. Ordinato sacerdote il 2 maggio 1993, è stato assistente del Seminario Maggiore fino al 1998, poi per cinque anni vicario parrocchiale di Nostra Signora di Guadalupe a Monte Mario, e per due anni addetto dell’Ufficio catechistico del Vicariato. Il Papa gli ha assegnato la sede titolare di Gabi e sarà delegato per la pastorale sanitaria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.