Parte il corso di formazione teologica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00

Si svolgeranno da domani al 30 marzo gli incontri del percorso formativo organizzato dalla Scuola diocesana di formazione teologica “Cesare Pagani” di Città di Castello. Si tratta di un corso che propone itinerari di formazione per adulti desiderosi di prendersi cura della fede. La Scuola è attiva dal 1975. L’impianto del corso è stato completamente rivisto e reso più snello: al posto del ciclo triennale previsti fino ad ora, il tema diventa annuale presentato attraverso alcune discipline teologiche (morale sociale, sacra scrittura, liturgia, catechetica, spiritualità.

“Prendersi cura della fede” è il titolo dell’itinerario di formazione dell’anno pastorale 2017-18 che affronterà il rapporto Chiesa-umanità dal Concilio Vaticano II alla Evangelii Gaudium. Le lezioni sono in programma sempre di martedì alle 21, durano circa 75 minuti e si tengono nel Seminario vescovile. I primi quattro incontri (domani, 28 novembre, 5 e 12 dicembre) riguaderanno “Gesù, la Chiesa e le sfide di oggi”. Dal 16 gennaio al 6 febbraio si parlerà di “Bibbia e giovani”; infine dal 20 febbraio al 20 marzo “Gioia e bellezza dell’annuncio”. 

La prima sezione riguarda la morale sociale e sarà affrontato con suor Roberta Vinerba e Marco Fiorucci. Nella seconda il tema si svilupperà su “La Bibbia dalla Dei Verbum alla Evangelii Gaudium – Il Sinodo dei vescovi sui giovani” con relatori padre Giulio Michelini e Nicola Testamigna. Infine, “Liturgia e catechetica”, con don Paolo Martinelli sul tema “Dalla Sacrasanctum Concilium all’Evangelii Gaudium”, don Samuele Biondini parlerà de “La gioia dell’annuncio ecclesiale” e don Francesco Mariucci affronterà il tema “Essere catechisti e conversione pastorale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.