Oggi la Marcia della Pace

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:19

La Marcia della pace della diocesi di Andria si terrà quest’anno a Minervino Murge: l’appuntamento è per oggli, lunedì 30 dicembre, apartire dalle 19. I partecipanti si ritroveranno in tre punti – via Croce, largo Villa Faro, largo Sant’Arcangelo – dove si terranno brevi momenti di riflessione. I tre gruppi si congiungeranno in piazza Gramsci, dove è previsto un momento di preghiera guidato dal vescovo mons. Luigi Mansi, con la consegna della Luce di Betlemme.

La testimonianza

La marcia proseguirà verso il Cinema Moderno per ascoltare la testimonianza di Rosario Sardella, giornalista di Tv2000 e autore del libro “Perché non se ne stanno a casa loro?”. Alla conclusione è prevista la visita del presepe luminoso. La Marcia è organizzata dall’Ufficio di pastorale sociale, lavoro, giustizia, pace e salvaguardia del creato della diocesi, con la collaborazione di numerose realtà associative del territorio. “L’invito alla marcia – spiega un comunicato – è esteso alla cittadinanza dei comuni di Andria, Canosa di Puglia e Minervino Murge. Per l’occasione saranno messi a disposizione dalla diocesi dei pullman da Andria e Canosa di Puglia. Le parrocchie e le associazioni potranno manifestare la loro presenza con la bandiera della pace ma anche con striscioni recanti frasi del messaggio del Papa”. Ieri, la diocesi ha presentato la dodicesima edizione di “Sorrisi di Natale”, organizzata dalla Casa di accoglienza “S. Maria Goretti” e dall’Ufficio Migrantes con la collaborazione di alcuni imprenditori e aziende del territorio. Il programma ha visto lo spettacolo teatrale per i piccoli presso auditorium della chiesa Mater Gratiae di Andria e, alle 11.30, la celebrazione della messa presso la cattedrale di Andria presieduta da mons. Mansi. Alla fine della messa il vescovo ha consegnato dei doni ai bambini, come da tradizione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.