Mons. Sanguineti apre la Settimana Agostiniana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Sarà la messa celebrata questa sera dal vescovo di Pavia mons. Corrado Sanguineti alle 18.30, nella basilica di San Pietro in Ciel d’Oro, ad aprire la 50^ edizione della Settimana Agostiniana Pavese, una serie di appuntamenti che si tengono tradizionalmente in occasione della festa della conversione di S. Agostino, che cade il 24 aprile. Al termine della celebrazione eucaristica sarà esposta l'urna con le reliquie del padre e dottore della Chiesa. Il momento clou della settimana sarà lunedì 23 quando è in programma all'Università la “Lectio Augustini” (dalle 9.45 alle 16.30) sul “De Doctrina Christiana”, quattro libri riletti da altrettanti studiosi del Santo.Tra i protagonisti della Settimana anche mons. Giovanni Scanavino, agostiniano, vescovo emerito di Orvieto, che fu tra i promotori dell'iniziativa incoraggiata da Paolo VI. “Nei primi dieci anni abbiamo cercato di presentare la figura di Agostino, la sua vita e le tappe della sua conversione – ricorda – La svolta è stata quando abbiamo dato una precisa e originale connotazione alla Settimana Agostiniana Pavese, quando cioè abbiamo iniziato a leggere le opere di Agostino con la Lectio Augustini, un’iniziativa che da altre parti non si faceva”.

Altro momento importante il 27 quando si svolgerà il convegno “Pavia, i monasteri imperiali”. Nell'occasione saranno illustrate anche le risultanze delle analisi sui resti di Liutprando, il re longobardo che intorno al 720 fece trasportare le spoglie di Agostino dalla Sardegna, dove erano state portate dal Nord Africa per sottrarle alla furia dei Vandali, a Pavia.

La Settimana sarà conclusa domenica 29 dalla solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Mauro Piacenza, Penitenziere maggiore, al termine della quale saranno riposte le reliquie di S. Agostino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.