L'impegno di Assisi per contrastare la disoccupazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30

La diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino scende in campo contro la disoccupazione e per farlo ha deciso di investire una somma di denaro che servirà a finanziare due percorsi: il primo composto da dieci borse-lavoro, il secondo per altri dieci che frequenteranno un corso di manutenzione del verde. 

L'iniziativa

Si tratta di un'iniziativa della Caritas diocesana, in collaborazione con la Pastorale giovanile, la Commissione per i problemi sociali e il lavoro e il Progetto Policoro. La diocesi ha investito 65 mila euro che serviranno a farsi prossimi a chi non lavora. “Se si vuole dare una risposta alla povertà – ha detto monsignor Domenico Sorrentino, vescovo della diocesi, durante la conferenza stampa di presentazione – occorre operare sul versante della disoccupazione. Il progetto cerca di operare ni confronti della povertà e della fragilità non soltanto dando qualcosa che possa servire nell'immediato, ma offrendo una prospettiva nella quale le persone implicate devono metterci la loro curiosità, il loro impegno e voglia di fare”. 

I progetti

Il direttore della Caritas Diocesana di Assisi, Maurizio Biagioni, ha spiegato in cosa consistono i due progetti. A fronte dei 69 candidati che si sono presentati – 29 donne e 40 uomini, tra cui anche alcuni stranieri – è stata fatta una graduatoria di 24 idonei. I primi dieci usufruiranno delle borse lavoro presso le aziende selezionate. Biagioni ha spiegato che nel corso delle selezioni, molte persone non riuscivano a far emergere le professionalità in loro possesso, per questo è stato organizzato un corso di orientamento al lavoro per altre dieci persone. Inoltre, visto che alcuni erano di nazionalità straniera, è stato organizzato un corso gratuito di italiano, della durata di 40 ore, per altre dieci persone. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.