“Lievito di speranza”: il corso per minori stranieri nella panificazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:00

Lievito di Speranza”. E' questo il titolo del progetto di inclusione sociale a Catania presso l’Istituto San Giuseppe della Congregazione Suore serve della Divina Provvidenza. Il progetto prevede un corso base di panificazione e derivati da forno a cui viene affiancato il potenziamento della conoscenza della lingua italiana per l’inclusione sociale e lavorativa di 20 minori stranieri non accompagnati.

Il progetto

Il progetto – che viene presentato oggi, martedì 13 novembre, alle 17, presso l’Istituto che – è realizzato con i fondi della Conferenza episcopale italiana nell’ambito della campagna “Liberi di partire, liberi di restare”. “I corsi – si legge in una nota – dureranno 18 mesi, suddivisi tra ore in aula e pratica di laboratorio per un ‘apprendimento del fare’ che offrirà ai ragazzi la conoscenza degli aspetti riguardanti la normativa di riferimento per la panificazione, la lievitazione, le varie tecniche di cottura e nello stesso tempo migliorare la conoscenza della lingua italiana. A conclusione delle ore di laboratorio è previsto anche un tirocinio formativo”.

Come spiegano i promotori sul Sir , “il nuovo progetto, in continuità con il precedente – l’anno scorso con “Semi di accoglienza” sono stati avviati laboratori di sartoria etnica e di pasta fresca – si prefissa l’obiettivo di rendere i giovani autonomi e protagonisti del mondo del lavoro con l’apertura di un punto vendita per i prodotti da forno realizzati direttamente nel laboratorio della comunità. Gestione che sarà affidata ad una Cooperativa di nuova costituzione, formata dalle donne e dai giovani in condizioni di disagio coinvolti nel progetto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.