GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 06:00, IN TERRIS


FAENZA-MODIGLIANA

"Liberi di integrarsi", arrivano corsi formativi per migranti

L'iniziativa aiuterà i richiedenti asilo ad acquisire le basi di una professione con la collaborazione della Cefal

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una lavoratrice straniera
Una lavoratrice straniera
D

al 2017 la Conferenza Episcopale Italiana ha lanciato la campagna “Liberi di partire, liberi di restare” a sostegno dei migranti nei Paesi da cui partono, in cui transitano e in cui arrivano.


Il progetto a Faenza-Modigliana

Un progetto finanziato con i fondi dell'8xmille e che mira anche a sensibilizzare gli italiani sulla situazione vissuta da chi viene accolto nel nostro Paese. Nell'ambito di quest'iniziativa, anche la diocesi di Faenza-Modigliana ha lanciato il progetto “Liberi di integrarsi”, su impulso del Vescovo, monsignor Mario Toso e con l'adesione della Caritas diocesana e le Pastorali Migrantes e Missionaria. Sarà la Fondazione Pro Solidarietate a gestire il progetto e saranno coinvolte anche alcune associazioni cattoliche locali attive nell'ambito dell'accoglienza, tra cui anche la Comunità Papa Giovanni XXIII.


L'integrazione

Il progetto vuole favorire l'integrazione dei migranti sul territorio della diocesi attraverso la formazione professionale. Canale privilegiato avranno le donne vittime del triste fenomeno della tratta.I corsi si terranno nel campo della ristorazione, dell’estetica e della ristrutturazione e potranno contare sulla collaborazione del Cefal Emilia-Romagna. Il Cefal, come viene spiegato sul sito ufficiale si occupa di dedicare "il suo impegno a offrire risposte adeguate ai bisogni educativi e di crescita della persone sperimentando e mettendo a punto modelli di intervento aperti ai cambiamenti sociali e flessibili rispetto alle nuove domande emergenti dai soggetti del territorio".


Liberi di partire, liberi di restare

"Liberi di partire, liberi di restare" è una campagna avviata dalla Cei che si pone l'obiettivo di testimoniare "l’impegno della Chiesa italiana perché cresca la consapevolezza delle storie di chi fugge, si sperimenti un percorso di accoglienza, tutela, promozione e integrazione dei migranti che arrivano tra noi, e non si dimentichi il diritto di ogni persona a vivere nella propria terra".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una ragazza nigeriana costretta a prostituirsi
INCUBO TRATTA

Scoperto giro di prostituzione a Teramo

Le ragazze nigeriane erano costrette a prostituirsi per estinguere il debito di viaggio
Il magistrato Francesco Saverio Borrelli
LUTTO NELLA GIUSTIZIA

Morto Francesco Saverio Borrelli, magistrato di Mani Pulite

Il giudice è stato il volto di importanti inchieste italiane. Bobo Craxi: "Guidò un colpo di Stato"
Una sommità dell'Etna in eruzione
SICILIA

Etna in eruzione, riapre lo scalo di Catania

Dopo la colata della notte, attesi ritardi e disagi
Un agente dell'Arma dei Carabinieri pattuglia piazza San Pietro
ALLERTA ATTENTATO

Roma, rientrato l'allarme terrorismo

Continua l'indagine sul siriano sospettato di preparare un attacco nella Capitale
L'interno della parrocchia di San Giuseppe
CONCERTISTICA

La stagione musicale della parrocchia di Santa Marinella

Interessanti e numerosi gli appuntamenti organizzati nei fine settimana estivi

Oasi d'amore

Ieri sera sono andato a trovare mia zia di 98 anni in una casa-albergo nel mio paese di origine; l’ho...