VENERDÌ 07 DICEMBRE 2018, 11:54, IN TERRIS


SOCIALE

Lab.Ora, il progetto che forma al servizio del bene comune

Lanciata dalla “Laudato sì”, l'iniziativa si rivolge a 1000 giovani e vedrà la partecipazione di don Aldo Buonaiuto

REDAZIONE
Papa Francesco con i giovani
Papa Francesco con i giovani
U

n concetto di leadership sana, imperniata sul bene comune e non sul proprio ego. Questo è il progetto lanciato dall’associazione "Laudato sì" nata proprio per coinvolgere mille giovani dai 23 ai 35 anni allo scopo di formarli sull'“ecologia dell’umano” e sulla “cultura del dialogo e dell’incontro”.


Il fine

L'obiettivo è quello di creare una futura rappresentanza sociale che agisca in nome di valori solidi. Il progetto "Lab.Ora Millegiovani", rivolto a ragazzi e ragazze laureati o specializzandi, intende rilanciare il valore dell'azione dei laici anche al servizio del bene comune. Un'iniziativa a cui hanno partecipato diverse università cattoliche: la Lumsa, Libera Università Maria Santissima Assunta, lo Ius, Istituto Universitario Sophia, la Pusc, Pontificia Università della Santa Croce, l'Uer,  Università Europea di Roma, l'Unicatt, Università Cattolica del Sacro Cuore e l'Ups, l'Università Pontificia Salesiana. Protagonisti degli incontri con i giovani saranno figure autorevoli e di provata competenza nei loro rispettivi campi d'azione.


I "testimoni-padri"

Le aree di formazione sarano divise in base agli specifici ambiti di impegno quotidiano: per quanto riguarda il campo socio-spirituale, testimoni d'eccezione saranno don Aldo Buonaiuto, Paolo Maria Floris, Roberto Fontolan, Luca Marconi, Salvatore Martinez. Per l'ambito socio-lavorativo, parteciperanno Raffaele Bonanni, Franco Pasquali, mentre per quello umanistico saranno coinvolti Lorenzo Ornaghi, Paola Ricci Sindoni, Cataldo Salerno. Alla formazione di tipo giuridico un grande contributo arriverà dalle testimonianze di Francesco Bonini, Alessandro Diotallevi, Flaminia Giovanelli, Giuseppe Licari, Cesare Mirabelli, Leonida Primicerio. Uno sguardo anche sul mondo dell'economia con Leonardo Becchetti, Luigino Bruni, Cleo Li Calzi. Per il lato imprenditoriale parleranno Francesco Averna, Susanna Moccia, Riccardo Monti. Sulla comunicazione si avrà il contributo di Alessandro Banfi, Vincenzo Morgante, Marco Tarquinio. Infine, l'ambito teologico- spirituale con gli interventi di Monsignor Giampaolo Crepaldi, don Luis Navarro, monsignor Michele Pennisi e monsignor Mario Toso. Saranno "testimoni-padri", questo il nome scelto per le figure che hanno dato la loro disponibilità per gli incontri con i giovani, che aiuteranno la formazione di una nuova rappresentanza sociale diffusa su tutto il territorio.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La mappa Gem
PAVIA

Realizzate le mappe dei terremoti mondiali

Sono tre: pericolosità (“Hazard Model”), esposizione (“Global Exposure”) e rischio (“Risk...
La Bce

C'è del marcio

"L'appartenenza alla moneta unica gioca un ruolo fondamentale" per i paesi europei, anche perché...
Regali natalizi da internet
ECONOMIA

Natale: crescono gli acquisti online

In due mesi veduti 6,8 mld di prodotti, al top tecnologia e giocattoli
Recep Tayyip Erdogan
TURCHIA

Erdogan: "Lotta senza tregua al terrore"

Il presidente ha aperto la campagna elettorale per le amministrative
Di Maio, Conte e Salvini
MANOVRA

Nuovo vertice per sciogliere i nodi

Riunione di governo a Palazzo Chigi. Sul testo, intanto, piovono gli emendamenti
Il metropolita di Kiev, Epifanio
ORTODOSSI

E' scisma: nasce la Chiesa di Kiev

Proclamata l'indipendenza da Mosca. Poroshenko: "Giorno storico"