La strage in discoteca e la sofferenza che pretende verità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:42

L’arresto di sette persone rende viva la sofferenza ma bisogna fare verità”, afferma il vescovo di Jesi, monsignor Gerardo Rocconi, nato a Corinaldo. “Abbiamo saputo della notizia di sette persone arrestate e sei che facevano parte della ‘banda dello spray’ che, provocando calca, approfittavano anche per derubare. La notizia riempie di dolore nel senso che rende di nuovo viva la sofferenza che abbiamo provato mesi fa”. Ricordando l’esperienza nei santuari di Lourdes e Loreto, tra tanta gente che soffre, il presule spiega al Sir che “dove c’è un atteggiamento buono si sta meglio, dove si vive per il possedere e per l’avere, per l’approfittarsi degli altri, non c’è che disperazione e morte“. 

Il nodo delle responsabilità

Il vescovo propone da Loreto, dove è in corso il pellegrinaggio dell’Unitalsi delle diocesi di Jesi, Senigallia e Fabriano, una riflessione sui fatti di Corinaldo, dove nel dicembre scorso sei persone morirono e 120 rimasero ferite durante un concerto in una discoteca, in seguito alla diffusione di uno spray al peperoncino all’interno del locale. “Non è risolto il discorso più ampio della capienza che si cercava di sapere in ordine ad altro tipo di responsabilità – aggiunge il presule all’agenzia dei vescovi -. Credo che alla fine anche l’aver conosciuto chi sta dietro alle responsabilità non attenua il dolore, però è importante che si faccia luce su tutto quello che è accaduto”. Il vescovo riferisce al Sir che a breve celebrerà una messa per gli ammalati a Loreto e ci sarà un messaggio nella liturgia: le cose di questo mondo (soldi, ricchezza) non fanno la felicità o danno la gioia. 

La tentazione della cupidigia

“In tutto questo ci viene da dire che laddove si è guidati dalla cupidigia, dalla bramosia del possedere o in qualche maniera dell’affermarsi non può che scaturire sofferenza – afferma monsignor Rocconi -.Questa sofferenza che è tornata viva dal ricordare gli avvenimenti accaduti nel mio paese circa otto mesi fa ci fa dire che se non ritroviamo la capacità di relazionarci in maniera corretta, attenta e premurosa, piena di attenzione e amore per il prossimo, troveremo sofferenze più grandi”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.