Isola Liri, tra festa del Crocifisso e cultura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

E'un fine settimana da non perdere quello che si appresta a vivere Isola del Liri (Frosinone). Infatti per il terzo anno cosecutivo la locale parrocchia di San Lorenzo ha organizzato la Rassegna di arte e cultura, questa edizione si ispira alla frase di Martin Luther King: “Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli”. L'iniziativa è legata, come da tradizione, alla settimana per la festa del Santissimo Crocifisso. E coinvolge senza distinzioni adulti e giovani nei vari campi artistici. 

Il calendario del programma  

L'evento culturale, promosso nella diocesi Sora-Cassino-Aquino-Pontecovo, scatterà venerdì 12 luglio con la presentazione delle opere al pubblico e ad un commissione ad hoc. “Poesia, narrativa, disegno, pittura, scultura, fotografia, art video, canto e danza sono le forme d’arte con cui si esprimono i partecipanti, i cui lavori, valutati da una commissione, vengono presentati il 12 luglio sul sagrato della chiesa di San Lorenzo”. Così Luciana Costantini, segretaria del Consiglio pastorale. Capitolo a parte per le funzioni religiose: tra queste la messa nella chiesa di Sant’Antonio, giovedì 11 luglio, quando sarà seguita la traslazione della statua del Crocifisso a San Lorenzo. La reliquia rimarrà  in questo luogo fino a domenica 14, quando una solenne concelebrazione sarà presieduta dal vescovo di Sora, mons. Gerardo Antonazzo, seguita dalla processione e rientro dell’effigie nella chiesa dove è custodita. “Leggenda e tradizione – ha aggiunto Luciana Costantini – raccontano che da un tronco di salice portato dal fiume Liri sia stata ricavata la croce, da cui sarebbe sgorgato del sangue vivo durante la lavorazione”. E ancora: “Altrettanto prodigiosa per la gente è la statua del Cristo, realizzata con la carta di antichi messali. Oggi la festa è un evento di cultura, espressione di legame alle radici cristiane, occasione per essere popolo di cittadini e fedeli, più vicini e solidali”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.