Il Duomo di Monreale va in Romagna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:19

S'intitola “Si aprì una porta nel cielo” ed è la mostra che vedrà la Cattedrale di Monreale protagonista del 40° Meeting di Rimini il prossimo 18 agosto. Domani il progretto sarà presentato presso il Palazzo Arcivescovile di Monreale alla presenza di mons. Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, Emmanuele Forlani, direttore del Meeting di Rimini, Mirko Vagnoni, curatore del progetto scientifico e Sandro Chierici, direttore editoriale di Ultreya. 

Alla scoperta del gioiello siciliano

Il Meeting di Rimini sarà, così, l'occasione per condurre il visitatore alla scoperta della cattedrale, gioiello ecclesiale della Sicilia. Per l'occasione verrà installata una riproduzione in scala 1:1 sia del portale di Bonanno Pisano  che dell'affresco del Cristo Pantocratore, che suggellano lo spazio sacro dell'intera Cattedrale. Per l'occasione sarà esposta, per la prima volta fuori dall'isola, l'icona dell'Odigitria, capolavoro dell'arte medievale. Con la collaborazione della Fabbriceria del Duomo di Monreale, nei padiglioni del meeting saranno esposti reperti della tesoro della Chiesa, insieme a manufatti provenienti dalla biblioteca dei monaci, dalla biblioteca del Seminario e dall’Archivio storico della cattedrale. Scopo della mostra è, infatti, raccontare la vita attorno alla Fabbrica del Duomo gravitante attorno alla festa liturgica del luogo. Nelle vicinanze dell'esposizione sarà allestito uno spazio in cui, per qualche ora al giorno, alcuni studenti dell’Istituto per il mosaico faranno vedere come si crea un pezzo di mosaico, al fine di far comprendere quanto grande sia stato il progetto della decorazione, e quante energie e competenze abbia richiesto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris[email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.