GIOVEDÌ 14 MARZO 2019, 06:00, IN TERRIS


FILIPPINE

Funerali a costo zero. Ecco l'iniziativa della diocesi di Balanga

L’obiettivo dei vescovi è eliminare le quote fisse per i servizi liturgici in tutto il Paese entro il 2021

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Ruperto Santos, vescovo di Balanga
Ruperto Santos, vescovo di Balanga
A

rriva dalle Filippine, la decisione dei vescovi di elimare le quote fisse per i servizi liturgici in tutto il Paese entro il 2021. L'iniziativa nasce a seguito dell'invito di Papa Francesco, che fin dalle sue elezioni, aveva annunciato di desiderare una "Chiesa povera e per i poveri". Il Santo Padre, che inizia oggi il settimo anno di pontificato, ha infatti più volte evidenziato che i sacramenti sono un dono di Dio, chiedendo così alle chiese di celebrare i riti in forma gratuita.


L'iniziativa del vescovo di Balanga

Una richiesta che ha visto dunque la piena adesione da parte di un numero sempre maggiore di vescovi filippini che gradatamente, sta abolendo il sistema di tariffe per i servizi offerti dalla Chiesa come funerali, messe per i defunti, matrimoni, cresime. In ordine temporale, l’ultimo è mons. Ruperto Santos, vescovo di Balanga, che ha diffuso una circolare per eliminare il tariffario fisso per la celebrazione di funerali e le benedizioni all’interno della diocesi. L’ordine sarà operativo dal giorno di Pasqua, il 21 aprile prossimo.
Secondo mons. Santos, l’ordinanza “è necessaria per consolare il dolore delle persone afflitte dalla scomparsa del defunto”. Egli sostiene che “dal punto di vista della Chiesa, gli obblighi finanziari non sono di primaria importanza e non devono essere un fardello” per le famiglie del caro estinto. Per questo ha ordinato ai sacerdoti della sua diocesi di non pretendere una somma fissa per le messe funebri e le commemorazioni dei defunti, ma di lasciare libera la famiglia di fare piccole donazioni spontanee. 


La presenza dei cattolici nelle Filippine

Le Filippine sono la nazione asiatica con il maggior numero di cattolici, i cristiani rappresentano circa il 90% della popolazione; su quasi 105 milioni di cittadini, 83,6 sono in comunione con Roma. Ad essi si aggiungono 10 milioni di protestanti e circa 820 mila fedeli di "altre denominazioni cristiane".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua