Forlì: al via la “3 giorni” della Papa Giovanni XXIII

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:04

E' iniziata oggi la “3 giorni” di incontri, preghiera e dibattiti della Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi. Sono accorsi al Palafiera di Forlì migliaia di persone – tra membri, volontari, simpatizzanti e persone accolte della grande famiglia di Don Benzi – provenienti dalle circa 500 realtà di accoglienza sparse in Italia e in altri 42 Paesi del mondo. È l'annuale assemblea internazionale della Comunità Papa Giovanni XXIII: famiglie aperte, fraternità, case famiglia (oltre 200), comunità terapeutiche, ma anche Capanne di Betlemme, cooperative sociali e case di preghiera.

Il programma

Fitto il programma di incontri, che è possibile leggere nel dettaglio sul sito www.apgxxx.org. 
Partiamo con la giornata di oggi. L'Eucarestia delle 18.30 sarà celebrata da Mons. Nicolò Anselmi, Padre sinodale del Sinodo dei giovani. In tarda serata alcuni gruppi di ragazzi incontreranno le povertà e le persone senza fissa dimora della città. Sabato sarà presente il segretario Generale della Cei, Mons. Stefano Russo, Vescovo di Fabriano-Matelica, che celebrerà la S. Messa nel pomeriggio. Domenica 26 maggio alle ore 10:30 ci sarà la consegna del premio internazionale “Don Oreste Benzi”, che in questa sua prima edizione è stato vinto da Padre Fabrizio Valletti, sacerdote gesuita, per il suo impegno nel proporre positive opportunità di vita ai giovani di Scampia, il popoloso quartiere di Napoli. L'assemblea si concluderà domenica a pranzo con la Santa Messa celebrata da Mons. Nicolas Brouwet, Vescovo di Lourdes.

Su don Valletti, leggi anche:

Don Fabrizio, nella terra di Gomorra. L'esperienza, raccontata a In Terris, di Padre Fabrizio Valletti a Scampia, fra la piaga della criminalità e i sogni di rinascita dei suoi abitanti

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.