Festa di S. Nicola, celebra il card. Koch

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:50

Sarà il Cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, a presiedere la celebrazione eucaristica che inizierà questa sera alle 18 nella basilica di S. Nicola per la solennità del patrono di Bari insieme all'arcivescovo mons. Francesco Cacucci.

Poi il sindaco di Bari, Antonio Decaro, consegnerà le chiavi della città al Santo dando il via alla processione della statua di san Nicola lungo le strade della Città Vecchia. Sempre oggi sarà presentato un libro che raccoglie la lectio magistralis e i discorsi che il patriarca Bartolomeo I ha tenuto a Bari lo scorso anno. I festeggiamenti di san Nicola vedranno protagonisti anche i bambini della città con la quarta edizione dell’evento “Aspettando San Nicola”. In questa occasione i bambini disegneranno con candeline sul sagrato della Basilica barese un’immagine del Santo realizzata dall’illustratore belga Emile Jadoul. Le celebrazioni termineranno il 19 dicembre quando decine di migliaia di pellegrini ortodossi secondo il calendario giuliano, provenienti soprattutto dalla Russia, si ritroveranno nella cripta della basilica di san Nicola per celebrare la Divina Liturgia presieduta dal metropolita Ilarion, presidente del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca.

Quest'anno la festa di S. Nicola torna a un ruolo di primo piano per la Chiesa italiana perché, come ricorda mons. Cacucci, “con il voto unanime del vescovi, è stata ripristinata quest’anno la memoria obbligatoria di san Nicola. Significa che in tutte le chiese italiane sarà festa, i sacerdoti indosseranno i paramenti bianchi in memoria del santo, un importatissimo riconoscimento della sua dimensione ecumenica”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.