Da domani a domenica la Festa delle Comunità Masci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05

Da domani 12 ottobre fino a domenica 14 la città di Spoleto ospiterà più di 1200 adulti Scout appartenenti al Movimento adulti Scout cattolici italiani (Masci) in rappresentanza di 191 Comunità sparse per lo Stivale. Il Masci vivrà nel comune umbro l'annuale Festa delle Comunità, un momento centrale per condividere progetti ed esperienze sul tema “Il coraggio e la concretezza della Speranza nel mondo di oggi”.

“Si tratta di un evento in cui le Comunità parleranno e rafforzeranno la dimensione della speranza che motiva e presiede la loro azione sul territorio. C’è tanta voglia di fare nel Masci, di dare concretezza alla speranza e alle speranze delle persone”, ha dichiarato la presidente Sonia Mondin sul Sir.

Il programma

Ricco il programma delle giornate di incontro. Si comincia venerdì 12 ottobre quando interverranno, tra altri, l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, Gianfranco Cattai, presidente di Focsiv e coordinatore di Retinopera, Paola Dal Toso, segretaria generale della Consulta nazionale delle aggregazioni laicali.

Sabato 13 ottobre l’economista Luigino Bruni, Stefano Cavallini e Franco Vaccari daranno una loro testimonianza sul tema “ Vivere il cambiamento guardando al futuro con speranza”. Domenica 14 ottobre, vi sarà l’intervento del regista Pupi Avati e le testimonianze, sempre sul tema del coraggio e della concretezza della Speranza nel mondo di oggi, di Suor Elisabetta Brescinani, Vincenzo Linarello e Giulia Pigliucci. La Festa delle Comunità si chiuderà dopo la messa in Duomo, alla presenza di rappresentanti delle associazioni scout cattoliche, con la consegna di alcuni segni e con la conferma della voglia di “ giocare” concretamente la propria vita al servizio degli altri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.