“Continuiamo a sognare la Chiesa che vogliamo costruire”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:39

Continuiamo a sognare la Chiesa che vogliamo costruire” è il tema del convegno organizzato dalla diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea che si terrà il 20 e 21 settembre nella basilica Cattedrale miletese di Santa Maria Assunta e San Nicola.

Il convegno, che avrà “il metodo del laboratorio”, inizierà con la celebrazione eucaristica, cui seguirà il saluto introduttivo di mons. Luigi Renzo, vescovo della diocesi dal 2007, dopo 8 anni come parroco della cattedrale di Rossano calabro. Il vescovo ha sottolineato come “nel nuovo anno ci interrogheremo su ‘Una Chiesa ‘casa e scuola’ di comunione’”, affidato a monsignor Vincenzo Varone, vicario episcopale per le attività pastorali. A trattare “Giovani, Famiglia e fragilità” sarà don Armando Matteo, sacerdote dell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, docente di Teologia fondamentale presso la Pontificia Università Urbaniana di Roma.

“Il primo anno del Sinodo ci ha visti impegnati nel capire La Chiesa che vogliamo e Una Chiesa ministeriale per l’annuncio del Vangelo” ha scritto il vescovo, mons. Renzo, presentendo l’assise, su Sir. “Stiamo prendendo coscienza sempre più della preziosità del tempo favorevole in cui siamo immersi come dono grande di Dio, un dono a cui non possiamo sottrarci di corrispondere con tutta la generosità e la disponibilità possibili. Quello che stiamo esperimentando si configura come una specie di ‘rodaggio necessario’ per poi celebrare senza indugio ed in spirito di fede il Sinodo vero e proprio nel 2019-2020”. “Uno sguardo d’insieme – ha concluso il vescovo miletese – che ci consentirà di definire meglio ed eventualmente completare le prospettive pastorali da consegnare alla fase celebrativa del Sinodo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.