Bitonto, ecco il nuovo Museo Diocesano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

La lunga attesa è finita. Dopo un lungo e intenso cammino di programmazione e di progettazione, di lavori e di allestimenti, viene aperta al pubblico l’esposizione del Museo Diocesano di Bari-Bitonto, nella sezione di Bitonto. La collezione è ospitata negli ambienti dell’ex convento dei Frati Minori Conventuali, poi sede del Seminario Vescovile, attiguo alla Chiesa di San Francesco della Scarpa. La giornata inaugurale è fissata per domenica 28 luglio, dalle 18 alle 21, quindi, sarà possibile visitare il nuovo Museo, disponibili anche le visite guidate dalle 18.30 alle 19.45. Dal giorno seguente la struttura seguirà l'apertura ordinaria:il lunedì ed il mercoledì dalle 9 alle 13, il venerdì dalle 15 alle 19. 

Il sito artistico

Fin dal 1986, a seguito della fusione dell’Arcidiocesi di Bari e della Diocesi di Bitonto nella unica Arcidiocesi di Bari-Bitonto, gli Arcivescovi mons. Mariano Magrassi e mons. Francesco Cacucci hanno proseguito l’opera di raccolta e manutenzione, di esposizione e valorizzazione delle numerose opere artistiche, testimonianza della fede e dell’impegno delle generazioni, intrapresa dall’ultimo vescovo di Bitonto, mons. Aurelio Marena. Nel 1997 un decreto arcivescovile unificava le due istituzioni museali in un’unica realtà, articolata in due sezioni, sotto la titolarità della Arcidiocesi, con un direttore ed un codirettore. L’intero patrimonio artistico comprende tavole, affreschi, tele, sculture, oreficeria, paramenti sacri, mobili, materiali lapidei di periodi storici che vanno dal sec. XII al XIX. Fino al 2015 la esposizione museale era collocata nella sede di Via Vescovado 2, attigua alla Concattedrale ed al palazzo vescovile di Bitonto. Il progetto identitario del museo realizza una esposizione delle opere non cronologica ma contestualizzata secondo orientamenti teologici, pastorali, territoriali e di funzione liturgica. La direzione del Museo è affidata a don Giuseppe Ricchiuto, che si avvale della collaborazione di un comitato scientifico e di una cooperativa per la gestione di alcuni servizi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.