Arriva la Notte dei Santi. Risposta cattolica ad Halloween

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

C'è un'alternativa ad Halloween. La propone la diocesi di Torino che lancia anche quest'anno, dopo l'edizione dello scorso anno, la “notte dei santi”. L'iniziativa partirà dalla Nuvola Lavazza, la struttura progettata da Cino Zucchi e sede dell'azienda italiana produttrice di caffè.

Il luogo

Questo luogo è stato scelto in quanto ospita anche un'area archeologica della Chiesa paleocristiana di San Secondo. Durante i lavori per realizzare la struttura, infatti, sono venuti alla luce i resti di una basilica risalente al IV-V secolo. L'evento è stato pensato come “occasione di confronto e di scambio sulla santità nel quotidiano“. Nella nota pubblicata sul sito ufficiale, la diocesi di Torino ha spiegato: “La proposta di riflessione, testimonianza e preghiera rivolta in modo particolare ai giovani per la festa di Tutti i Santi metterà dunque direttamente in gioco l’urgenza del discernimento vocazionale, cui sono dedicati il Sinodo dei Vescovi sui giovani e gli incontri annuali dell’Arcivescovo nelle Unità Pastorali”.

Il percorso

L'appuntamento si aprirà, dunque, alla Nuvola della Lavazza verso le 20 e 30 e si articolerà in 3 diversi percorsi: la visita alla basilica paleocristiana, poi il percorso nell’atrio della struttura con l'esposizione di volti di Santi per stimolare la riflessione sulla loro testimonianza, infine i partecipanti saliranno nei piani alti della sede della Lavazza e potranno gustare il caffè offerto dall'azienda. La notte proseguirà con una tappa nella parrocchia Maria Regina della Pace di Corso Giulio Cesare. Qui, monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo della diocesi di Torino, incontrerà i giovani partecipanti e presiederà l'Adorazione Eucaristica. L'iniziativa prende il nome di “La notte dei santi. Con sale in zucca” e si propone di coinvolgere nella preghiera e nella riflessione i giovani, riportando al centro della loro attenzione la festa dei Santi e la memoria dei defunti. Non saranno ricordati solo i santi e i beati riconosciuti dalla Chiesa cattolica, ma anche tutte quelle persone che danno prova di santità nella vita di tutti i giorni

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.