Al via la Settimana del volontariato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:48

Una settimana dedicata al volontariato, a Trapani, in programma tra il 3 e il 10 novembre. Cura dell’ambiente, migrazioni e accoglienza della disabilità sono alcuni dei temi che verranno approfonditi. Gli incontri si apriranno con l’intervento introduttivo di un esperto su un argomento cui seguiranno delle testimonianze. E in alcuni casi si svolgeranno laboratori o momenti di festa. Gli appuntamenti si terranno tutti nel pomeriggio (ore 16/19), tranne gli ultimi due (sabato 9 e domenica 10: di mattina) e quasi tutti avranno come sede “L’Arco della Speranza”.

Il programma

I protagonisti di questa prima edizione saranno, si legge in una nota ripresa dal Sit: i ministranti delle parrocchie, i neolaureati e gli studenti universitari, gli immigrati e gli operatori sociali che se ne occupano a Trapani, i giovani delle tradizioni e i membri di confraternite e ceti; famiglie, associazioni e gruppi impegnati nel dialogo con i diversamente abili o nella promozione di scelte di vita giuste ed ecologiche, sportivi, agricoltori. Tra gli esperti presenti, l’arcivescovo di Monreale, mons. Michele Pennisi, don Gionatan De Marco della Cei, Marco Giordano, docente all’Università di Macerata, Giuseppe Notarstefano della Lumsa. Il programma si apre domenica sul tema “Chiamati alla felicità”: un incontro per bambini, ragazzi e giovani, con laboratori. Interverranno don Michele Gianola, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale delle vocazioni della Cei, e Rita Di Pasquale, docente alla Facoltà Teologica di Sicilia. Alle 18.15, si terrà la concelebrazione eucaristica nel sesto anniversario dell’ingresso in diocesi del vescovo Pietro Maria Fragnelli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.