Al via il percorso diocesano di formazione socio politica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:40

Sabato prossimo inizia, organizzato dalla diocesi di Genova, il “Percorso diocesano di formazione socio politica alla luce della dottrina sociale della Chiesa”.  I primi sei appuntamenti di quest’anno si terranno da sabato 28 settembre a venerdì 22 novembre. Nell’ultimo incontro interverranno il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Ccee  (il Consiglio delle conferenze episcopali europee), e David Sassoli, presidente del Parlamento europeo.

Il programma

L’elenco degli incontri è il seguente: sabato 28 settembre alle 10.30 in Seminario presentazione del cammino annuale; lunedì 14 ottobre alle 19 al Quadrivium “Educati dalla SS. Trinità per vivere relazioni autenticamente umane”; relatore mons. Nicolò Anselmi, vescovo ausiliare; sabato 19 ottobre alle 10.30 in Seminario laboratorio di studio e progettazione; lunedì 28 ottobre 19 al Quadrivium “L’influenza della dottrina sociale della Chiesa nell’assemblea costituente”; relatore Francesco Gallarati; sabato 9 novembre alle 10.30 in Seminario laboratorio di studio e progettazione; venerdì 22 novembre alle 18 al Quadrivium “Europa: sfide e prospettive per i prossimi anni” con Sassoli e il card. Bagnasco. Come ha spiegato il responsabile dell’iniziativa, don Massimiliano Moretti, sul Sir, la novità di quest’anno sarà la realizzazione di un laboratorio nel quale, “mettendo a fattor comune le competenze e i talenti di ciascuno, proveremo ad elaborare un progetto da offrire alla città”. Dalle colonne de Il Cittadino, settimanale cattolico della diocesi genovese, don Moretti ha ricordato che “insieme ai partecipanti, ci siamo resi conto che è, non solo un dovere, ma ancor prima un diritto, formarsi per contribuire in modo attivo al miglioramento della nostra società” e che “abbiamo bisogno di tutti, perché ciascuno possa donare qualcosa di sé per edificare il bene comune”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.