Al via “Il Giovedì della fede” con don Aldo Buonaiuto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01

La parola “provocazione” sarà il fulcro degli incontri che prederanno il via il prossimi 14 marzo nella Parrocchia Santa Anna in Vaticano, dove don Aldo Buonaiuto, direttore di In Terris e sacerdote dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, terrà “Il giovedì della fede“. Il programma prevede alle ore 18 la celebrazione della Santa Messa e a seguire, alle 18.45 circa, una “pro-vocazione”. 

Don Bruno Silvestrini: “Non sarà la solita Quaresima”

A spiegare il significato e l'obiettivo di questa iniziativa è il parroco della chiesa Santa Anna in Vaticano, padre Bruno Silvestrini. “Insieme a don Aldo abbiamo deciso di fare qualcosa in questo luogo che ogni giorno si trova ad affrontare tanti problemi, difficoltà e situazioni non facili – spiega il sacerdote – Questi incontri serviranno a scuotere le nostre coscienze per farci entrare in un cammino di fede impegnato, fatto non solo di spiritualità chiusa su se stessa, ma aperta al sociale”. 

I temi

Il primo incontro è stato intitolato “pro-vocazione”, ma don Bruno ha tenuto a sottolineare che non si parlerà solo di vocazioni. “E' un appuntamento aperto a tutti: laici, religiosi, monsignori e cardinali. Vivremo la spiritualità e la carità che ci susciteranno il Vangelo. Sarà un'evangelizzazione forte che ci aiuterà a preparaci bene alla Pasqua, aprendo il nostro cuore e suscitando in noi il desiderio di essere preparati ad accogliere il Signore”. 

“Una cosa bella alla periferia del Vaticano”

“Per me che sono parroco da parecchio tempo – ha sottolineato don Bruno – è motivo di orgoglio di avere qui, alla periferia del Vaticano, qualcosa di bello che susciti in noi il desiderio di un cammino di fede più incisivo e più emozionate, più vicino all'amore del Signore e che ci faccia sentire più capaci di vivere con entusiasmo l'annuncio della fede”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.