Al via gli eventi estivi di “Dabar. Potere alla Parola”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:41

Questo tempo di grazia della nostra diocesi dedicato alla Parola nasce dal desiderio di voler incamminarci su quella strada tanto cara a Gesù, tempio celeste itinerante sulla terra per poter accogliere tutti coloro che hanno bisogno di ristoro e guarigione, di tenerezza e accoglienza”. Con queste parole l'arcivescovo di Gaeta, monsignor Luigi Vari, ha presentato gli appuntamenti del percorso “Dabar. Potere alla Parola” che, dopo i quattro incontri zonali sulle parole della creazione (terra, aria, acqua e fuoco), venerdì 13 luglio riprenderà il via con gli eventi estivi

Venerdì 13 luglio, alle 21, nell’area archeologica di Caposele, a Formia (Latina), si terrà lo spettacolo “Come gli scambi del treno. Vita di Madeleine Delbrêl”, a cura dell’attrice Elisabetta Salvatori con al violino Matteo Ceramelli. Giovedì 23 agosto, alle 21, sul sagrato della chiesa di San Francesco d’Assisi a Gaeta (Latina), si terrà “Shalom”, dialogo tra Moni Ovadia e l’arcivescovo, mons. Luigi Vari. Sabato 22 settembre, alle 19, nel monastero di San Magno, a Fondi (Latina), invece, l’incontro con il filosofo Massimo Cacciari dal titolo “Donna”.

La sfida del percorso, si legge sulla brochure di presentazione, è quella di “restituire alla Parola il potere di attraversare la strada e, nel suo naturale percorso, di lasciarla incontrare e abitare dai tanti viandanti che la strada la vivono ogni giorno”. Si tratta di un percorso che parte dalla “Parola, con la Parola. Dabar è pienamente inserito nell'anno in cui la Chiesa diocesana celebra la Parola, e il tempo dedicato all'incontro, al pensare creativo, all'abbraccio tra le arti e la Parola”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.