Al via “Corpi a sorpresa!”, un viaggio nel Rinascimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Prende il via oggi, 2 marzo, l'iniziativa “Corpi a sorpresa!”, promossa dal Museo diocesano di Padova in accompagnamento alla nona rassegna internazionale di illustrazione “I colori del Sacro. Il corpo”.

Le visite

In programma, fino a giugno, 5 appuntamenti attraverso i quali i partecipanti potranno scoprire capolavori dell’arte del territorio padovano con una modalità nuova: la sorpresa dell’opera che si andrà a scoprire, la lettura dell’opera accompagnata dalla guida di Andrea Nante, direttore del Museo diocesano, e la conversazione con un ospite illustre con cui ci sarà un dialogo diretto e inedito tra arte, competenza specifiche e attualità”. Nel corso delle cinque visite, previste per venerdì 2 marzo, sabato 24 marzo, domenica 8 aprile, mercoledì 23 maggio e giovedì 7 giugno, i visitatori potranno “godere della grazia e della materialità del corpo umano interpretato da grandi artisti della scena padovana del Rinascimento.

Ospiti e mete a sorpresa

Per il pubblico sarà una sorpresa scoprire l’opera che si visita (verrà infatti dato appuntamento in un luogo, senza precisare altri dettagli) ma sarà anche una sorpresa l’ospite d’eccezione di ogni incontro. Vi parteciperanno personalità del mondo culturale, imprenditoriale e istituzionale quali il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, il prefetto Renato Franceschelli, la scrittrice Antonia Arslan, gli imprenditori Marcello Carraro e Giordano Emo Capodilista.

Restauri

“Corpi a sorpresa!” sarà anche l’occasione di dare corpo ad altre iniziative, ossia si contribuirà a sostenere il restauro di un’opera d’arte all’interno del progetto ‘Mi sta a cuore’ che da anni il Museo diocesano di Padova insieme all’Ufficio diocesano dei Beni culturali promuove per sensibilizzare la comunità civile e religiosa, singoli e gruppi a sostenere in prima persona la cura e la tutela delle opere d’arte, patrimonio comune di storia e tradizione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.