A Perugia una preghiera per le vocazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:03

Sarà la chiesa parrocchiale di San Raffaele Arcangelo in Madonna Alta di Perugia ad ospitare nella serata di domani, sabato 23 novembre, la veglia di preghiera per le vocazioni “Datevi al meglio della vita”, tema al quale sarà dedicato il Convegno nazionale vocazionale in programma a Roma dal 3 al 5 gennaio 2020. Il momento di preghiera, promosso dall’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, prenderà il via alle 21 e sarà presieduto dal card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo metropolitadi Perugia-Città della Pieve e dal 24 maggio 2017 presidente della Conferenza Episcopale Italiana su invito di Papa Francesco.

La veglia

“La veglia – annuncia don Alessandro Scarda, responsabile del Centro diocesano vocazioni su Sir – vedrà sette nostri seminaristi ricevere il ministero dell’accolitato e del lettorato e la partecipazione di giovani, famiglie e religiosi”. Riceveranno l’accolitato i seminaristi Daniele Malacca, Emmanuel Olajide, Michael Tiritiello, Samy Cristiano Abu Eideh, Simone Strappaghetti e Vittorio Bigini; mentre il seminarista Claudio Faina riceverà il ministero del lettorato. “Arrivata alla sua settima edizione, la veglia vocazionale – ricorda don Scarda – è un appuntamento atteso da molti per pregare con tutta la comunità dei credenti riunita intorno al vescovo. La presenza dei seminaristi e dei religiosi, inoltre, diventa il frutto visibile di tale preghiera e insieme la possibilità di ascoltare dal viva testimonianza di chi si è messo in cammino per seguire il Signore in una scelta di vita consacrata. Quest’anno ascolteremo Vittorio Bigini, della parrocchia di San Sisto, che il prossimo 12 dicembre riceverà il diaconato insieme ad altri cinque confratelli”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.