A Morelia l'assemblea del movimenti familiari cristiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

E'una tre giorni molto importante e soprattutto attesa, visto che la prossima verrà organizzata fra tre anni. Stiamo parlando Confederazione internazionale dei movimenti familiari cristiani, formata da organismi di 43 Paesi. E che da domani apriranno la 14esima Assemblea a Morelia, in Messico. 

L'evento

Il Movimento familiare cristiano (Mfc) raggruppa famiglie cattoliche che hanno come obiettivo principale la promozione dei valori umani e cristiani della famiglia, per renderla protagonista a livello comunitario, attraverso la formazione, l’educazione alla fede, l’attenzione allo sviluppo integrale della comunità. Non bisogna inoltre dimenticare: il vincolo fondamentale del sacramento del matrimonio e l'esperienza della fede all'interno della famiglia. L’Assemblea Mondiale è stata presentata ieri durante una conferenza stampa, nella quale l’arcivescovo di Morelia, mons. Carlos Garfias Merlos, che è anche vicepresidente della Conferenza episcopale messicana, ha messo in evidenza che “il Mfc punta a matrimoni più saldi, a una maggiore comprensione tra padri e figli, a case più felici. Ambienti più onesti nei quali i figli possono crescere e sviluppare uno stile di vita familiare in coerenza con i valori umani e cristiani”. Il metodo formativo del Movimento è quello tradizionale del “vedere, giudicare e agire”, ha sottolineato l’arcivescovo. E dunque basato su cinque strumenti: la preghiera e la vita liturgica, lo studio, l’azione apostolica, la convivenza e la responsabilità economica. “Invito tutti a seguire da vicino questa Assemblea mondiale – ha concluso mons. Garfias Merlos– e ringrazio tutti gli organizzatori, le famiglie e i partecipanti”. Mons. Garfias Merlos è da sempre favorevole al dialogo nelle maggiori tematiche del dibattito sociale, culturale, politico e religioso. Nella sua missione si è spesso prodigato per la diffusione della pace, infatti è il creatore del progetto messicano “Cristo è la nostra Pace”.  

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.