La statua del Cristo del Po nel mirino dei vandali

Era stata inaugurata solo il 15 agosto. Sono in corso indagini della polizia locale.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:35
Fonte: La provincia di Cremona

Come riporta La Provincia di Cremona.it, la statua del Cristo del Po, realizzata da Mario Spadari, è stata distrutta. Era stata inaugurata il giorno di Ferragosto.

I vandali non si sono fatti sfuggire l’occasione per rovinarla. L’hanno presa a sassate, utilizzando le pietre poste alla base come decorazione, e hanno anche abbattuto la sbarra che sorreggeva il Cristo in croce.

Il Comune ha dato disposizione al comitato organizzatore di prelevare quanto resta dell’opera. Armando Catullo l’ha presa in carico e poi l’ha portata presso la Canottieri Flora, prima di essere trasferita all’interno del laboratorio dello scultore Spadari.

Sarà molto difficoltoso riuscire a risalire ai responsabili. Gli agenti della Polizia Locale stanno procedendo con le indagini per cercare di fare luce sulla vicenda. La zona dove si trovava la statua, nei pressi del Lungo Po Europa, è molto buia e poco frequentata.

Il disagio nascosto dietro gli atti vandalici

Spesso gli autori di questi atti vandalici hanno alle spalle storie di disagio non solo personale, ma anche familiare. Quando viene loro chiesto cosa li abbia portati ad agire in quel modo, non riescono a dare una vera e propria spiegazione. Il più delle volte si tratta di vandalismo giovanile.

L’Istituto Gatestone, grazie a migliaia di rapporti sui giornali, parti della polizia, consultazioni parlamentari, pubblicazioni sui social network e blog specializzati da Gran Bretagna, Francia, Germania, Irlanda, Italia e Spagna, ha scoperto che circa 3.000 chiese, scuole, cimiteri e monumenti cristiani sono stati saccheggiati o distrutti in Europa nel 2019.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.