Sgominata una gang di 90 aggressori sessuali di minori

Erano i minori le vittime di una organizzazione di pedofili scoperta in Colombia. Una rete criminale nella quale erano anche coinvolti familiari dei bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Un orrore moltiplicato per decine di abusi. Oltre 90 persone sono state arrestate in Colombia a seguito di una operazione portata avanti dalla polizia e dalla procura contro aggressori sessuali di minori. Un Comitato delle Nazioni Unite ha definito le linee guida per combattere i “crimini atroci” dello sfruttamento sessuale di minori. Un aggiornamento della Convenzione sui diritti del fanciullo per aiutare gli Stati a combattere la vendita di bambini, la prostituzione minorile e la pornografia infantile. Le linee guida pongono anche l’accento sulle nuove minacce che bambini di tutto il mondo devono affrontare a causa delle tecnologie digitali, come Internet e i social media. Il rischio è cresciuto a un ritmo allarmante. Tali tecnologie offrono ai trasgressori una varietà di nuove opportunità e mezzi per abusare dei minori in particolare attraverso  il ricorso al “darknet” .

Flagranza di reato

L’operazione, denominata “Atenea”, è stata realizzata in 24 dipartimenti del Paese e sette città principali, e ha permesso l’arresto con ordine giudiziario di 81 persone e di altre nove in flagranza di reato. “Le attività investigative hanno mostrato che 38 persone arrestate fanno parte del nucleo familiare delle vittime“, ha riferito la procura.

Minori

Tra i reati contestati alle persone catturate ci sono pornografia con minori di 18 anni, sfruttamento della prostituzione, stupro e atti sessuali con minori di 14 anni. “Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime”, ha sottolineato la procura colombiana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.