L’escalation di brutalità del molestatore seriale

Avvicinava le donne in scooter per molestarle. Denunciato in provincia di Viterbo un palpeggiatore seriale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Avvicinava in scooter donne che correvano in strada. Le palpeggiava poi scappava a tutta velocità. I carabinieri della stazioni di Montalto di Castro e Tarquinia, in provincia di Viterbo, avevano ricevuto numerose segnalazioni nei mesi scorsi. Anche da minorenni.

Palpeggiatore seriale

Così sono scattate le indagini che hanno consentito di risalire a un 34enne di Civitavecchia. In modo seriale puntava le vittime, le colpiva per poi dileguarsi nelle vie limitrofe. L’uomo è stato quindi denunciato dai militari dell’Arma per violenza sessuale. E anche per violenza privata, lesioni personali aggravate e percosse. Una ragazza è stata toccata con tale brutalità da riportare un trauma guaribile in cinque giorni di prognosi. Il molestatore seriale è stato anche sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.  E non potrà uscire di casa dalle 22 alle 6.

Quadro allarmante

In Italia il 31,5% delle 16-70enni (6 milioni 788 mila) ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale: il 20,2% (4 milioni 353 mila) ha subìto violenza fisica, il 21% (4 milioni 520 mila) violenza sessuale, il 5,4% (1 milione 157 mila) le forme più gravi della violenza sessuale come lo stupro (652 mila) e il tentato stupro (746 mila). Ha subìto violenze fisiche o sessuali da partner o ex partner il 13,6% delle donne (2 milioni 800 mila), in particolare il 5,2% (855 mila) da partner attuale e il 18,9% (2 milioni 44 mila) dall’ex partner. La maggior parte delle donne che avevano un partner violento in passato lo hanno lasciato proprio a causa delle violenza subita (68,6%). In particolare, per il 41,7% è stata la causa principale per interrompere la relazione, per il 26,8% è stato un elemento importante della decisione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.