I sogni distrutti dall’acido

Cassazione: il 16 ottobre l'udienza per ex comagno di Gessica Notaro, Edson Tavares. In appello la condanna a 15 anni e cinque mesi per l'aggressione con l'acido

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Dopo il rinvio dovuto al Covid, è stata nuovamente fissata, per il 16 ottobre l’udienza in Cassazione per Edson Tavares. L’ex fidanzato di Gessica Notaro è sotto processo per aver perseguitato e sfregiato con l’acido la showgirl riminese. Il trentaduenne di origine capoverdiana, ora in carcere. E’ stato condannato dalla Corte di appello a 15 anni, cinque mesi e 20 giorni per l’aggressione del 10 gennaio 2017 e per lo stalking.

Acido come punizione

I giudici di secondo grado hanno definito in sentenza l’agguato con l’acido. E’ la “plastica rappresentazione di una meditata, ferma volontà di punire per sempre la vittima. Privandola non solo della sua speciale bellezza. Ma della sua stessa identità. Così da cancellarla agli occhi di chiunque. Non potendola ‘possedere‘ egli stesso”. La sentenza aveva anche confermato l’espulsione a fine pena e i risarcimenti alle parti civili. Cioé Gessica Notaro. Difesa dagli avvocati Fiorenzo e Alberto Alessi. E l’associazione Butterfly, che si batte contro la violenza sulle donne. Rappresentata dall’avvocato Elena Fabbri. Inizialmente l’udienza era prevista per il 10 marzo.

Tragedia

Il racconto dell’aggressione di Gessica Notaro è dettagliato e straziante. “L’ho visto. Ho visto Eddy che aveva in mano una bottiglietta di plastica. Lui era vestito di nero. Non ha detto una parola. Mi ha lanciato un liquido addosso. Ed è fuggito. L’ho rincorso per qualche metro, urlando dal dolore. La faccia mi bruciava e la vista mi si appannava sempre di più. Speravo ci fosse ancora il mio attuale ragazzo. Ma lui se n’era già andato. Sono corsa verso casa e ho citofonato a mia madre che è scesa in pigiama. ‘Eddy mi ha tirato l’acido’, le ho detto e siamo corse in ospedale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.