Denunciato un pugile per aver danneggiato la statua della Madonna in una chiesa romana

Ancora lo scempio di un'icona mariana presa di mira, dopo la statua di Maria con gli occhi trafitti dai chiodi a Fano e la Natività distrutta a Calcinelli (Pesaro-Urbino)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:38

Ha danneggiato una statua della Madonna e diversi arredi sacri all’interno della chiesa Nostra Signora di Czestochowa a largo Corelli, in zona La Rustica, alla periferia di Roma. Per questo un 54enne, istruttore di pugilato con precedenti, è stato denunciato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma.

Statua danneggiata

Secondo quanto si apprende, il 54enne, in evidente stato di alterazione per stupefacenti, è entrato in chiesa e ha danneggiato una statua della Madonna, la fonte battesimale e arredi sacro. All’arrivo dei militari l’uomo li ha aggrediti ed è stato fermato con l’utilizzo dello spray al peperoncino.

Denuncia

Il 118 ha trasportato il 54enne all’ospedale Sandro Pertini dove è stato sedato ed è in attesa di valutazione psichiatrica. L’uomo è stato denunciato a piede libero per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Tre mesi fa lo scempio di una statuetta della Madonna con gli occhi trafitti. Si è trattato di un un gesto sacrilego che offende la pietà popolare di milioni di credenti in tutto il mondo.

Casi analoghi

Il vergognoso episodio è avvenuto a Torrette di Fano. La statua è spuntata fuori in un aiuola spartitraffico. Qualcuno l’ha lasciata lì. Un atto scellerato compiuto non lontano da dove un anno fa i carabinieri di Colli al Metauro identificarono gli autori del furto e danneggiamento di una statuina della Madonna con bambino. Trafugata la notte di Pasqua da un’edicola votiva di Saltara e poi ritrovata, fatta a pezzi, dal parroco di Calcinelli nella piazza Pio Franchi de’ Cavalieri vicino alla parrocchia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.