Quella preoccupante escalation di abusi e maltrattamenti in famiglia

Milano. Condannato a 10 anni di carcere per maltrattamenti in famiglia, lesioni e atti sessuali.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:37
woman raised her hand for dissuade, campaign stop violence against women. Asian woman raised her hand for dissuade with copy space, black and white color

Purtroppo capita sempre più spesso di sentir parlare dei diversi tipi di violenza che si possono presentare all’interno di una famiglia. Dalla violenza domestica a quella di genere e sulle donne, fino agli abusi o ai maltrattamenti sui minori. Tutte queste forme di violenza sono estremamente gravi per le loro conseguenze fisiche, psicologiche e sociali.

Il fatto

Un uomo di 44 anni è stato condannato, con rito abbreviato, a 10 anni di carcere dal GUP di Milano, Natalia Imarisio. Accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni e atti sessuali ai danni della compagna e della figlia della donna di 14 anni, era stato arrestato dalla polizia lo scorso novembre. L’inchiesta, coordinata dal PM Francesca Gentilini e dal Procuratore aggiunto Letizia Mannella, aveva portato all’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal GIP Alessandra di Fazio.

I precedenti

Nel 2018, quest’orco, con precedenti per spaccio, era stato assolto dal reato di maltrattamenti e lesioni perché le accuse erano state ritenute inattendibili a causa della reticenza della sua compagna che, nonostante le violenze subite, lo aveva sempre riaccolto in casa. Ingabbiata, probabilmente, in quella dipendenza psicologico-affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di episodi di violenza fisica, verbale o psicologica, la cosiddetta “Sindrome di Stoccolma”. Il sentimento, che le vittime nutrono nei confronti del proprio aggressore, può spingersi fino all’ amore e alla totale sottomissione volontaria.

La denuncia

Ma chi che avuto il coraggio di spezzare questo circolo vizioso fatto di abusi e violenze? La figlia adolescente della donna. Ha collaborato con gli agenti e il PM, per ricostruire le violenze in famiglia, in particolare quelle subite a partire dall’aprile dello scorso anno, quando era ritornata a casa dopo un periodo trascorso in comunità.

L’inchiesta, coordinata dal PM Francesca Gentilini e dal procuratore aggiunto Letizia Mannella, aveva portato all’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal GIP Alessandra di Fazio. La povera ragazza ha raccontato che in più occasioni aveva nascosto i fratellini nell’armadio nel tentativo di evitare che vedessero quello che subiva la madre e per proteggerli dalla furia bestiale del patrigno.

Le conseguenze

La violenza subita direttamente dal minore, fisica o psicologica, comporta conseguenze a breve e a lungo termine. Incide sullo sviluppo psico-fisico del minore e sulle relazioni interne ed esterne alla famiglia, se continuata nel tempo pregiudica grandemente le sicurezze e la crescita del minore.

“La violenza contro le donne è forse la più vergognosa fra le violazioni dei diritti umani. Essa non conosce confini geografici, né culturali, né di benessere economico.
Fino a quando essa esisterà non potremo affermare di aver compiuto reali progressi verso la parità tra i generi, lo sviluppo e la pace.” Così si esprimeva Kofi Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, nel 2000.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.