Venezia, nei canali vicino San Marco spunta una maxi medusa – VIDEO –

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:09

Nelle ultime settimane, a causa del lockdown dovuto al coronavirus, la Natura ha riacquistato gli spazi che l’uomo aveva a lei privato. Sono tantissimi ormai le testimonianze, in tutta Italia, di animali selvatici che si riappropriano dei loro territori e si rendono visibili, a pochi fortunati. In particolare è il mare che regala le emozioni migliori: questa volta è il caso di una grande medusa ben visibile nell’acqua nei canali di Venezia, non lontano da piazza San Marco, che nuota a pochi centimetri sotto la superficie dell’acqua. Nello specifico si tratta di una Rhizostoma pulmo (o Medusa Barile) la medusa più grande del Mediterraneo.

Animali antichissimi

Le immagini, emozionanti, evidenziano un’affascinante creatura plantonica con una combinazione di una incredibile trasparenza dell’acqua, fenomeno legato alla bassa marea e al traffico acqueo nella città lagunare che si è ridotto fortemente. Recenti studi, infatti, hanno dimostrato che le meduse non seguono solo passivamente le correnti marine ma “decidono” dove andare e si spostano in modo attivo, talvolta anche controcorrente, quindi sarebbero in grado di entrare nei canali veneziani.

Ruolo ecologico

Tuttavia le meduse sono tra gli organismi più odiati dall’uomo a causa dei loro tentacoli urticanti ma non dobbiamo dimenticare che popolano il pianeta da molto prima di noi (sono tra gli animali più antichi comparsi sulla Terra) ed hanno un ruolo ecologico molto importante; fungono infatti da “filtro” per l’acqua di mare e contribuiscono al mantenimento della catena alimentare. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ammirarli vitali, così da vicino, come nel caso del fortunato testimone, è una gioia per gli occhi e per il cuore. Curioso? Guarda il video a inizio articolo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.