Un uomo di 5000 anni fa è stato la prima vittima della peste

La scoperta di un gruppo di ricercatori tedeschi avvenuta analizzando il Dna di resti umani trovati in Lettonia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30
Immagine di repertorio

Un cacciatore vissuto più di 5.000 anni fa è la prima persona conosciuta ad essere morta a causa della peste. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori dell’Università Christian-Albrecht di Kiel, in Germania, analizzando il Dna dai denti e dalle ossa del cranio di quattro individui trovati nel sito di Riņņukalns, in Lettonia.

I resti, databili tra 5.300 e 5.050 anni fa, provenivano da una giovane donna, un bambino e due uomini, e sono stati portati alla luce in due scavi, uno nel XIX secolo e uno pochi anni fa. Il team di ricercatori ha esaminato il materiale genetico alla ricerca di segni di agenti patogeni noti. Tra questi ‘Y.pestis’, il batterio che causa la peste. E’ stato scoperto che uno degli uomini, tra i 20 e i 30 anni, era morto con una forma ormai estinta di peste nel sangue. Ulteriori analisi hanno rivelato che il ceppo probabilmente si è separato da tutte le altre forme di ‘Y.pestis’ circa 7.200 anni fa, rendendolo il primo ceppo conosciuto della peste, ed era chiaramente diverso da quelli trovati più tardi nel Neolitico e nell’età del bronzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.